Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Archetipico PDF Stampa E-mail
Scritto da adnkronos   
Lunedì 30 Gennaio 2017 00:45


Quell'ucronico sole imperiale

Alla fine degli anni ’30 di un mondo ucronico, dove il Sacro Romano Impero è sopravvissuto al Medio Evo ed esiste ancora, il giovane giornalista Andrea Alcis e l’enigmatico Vertrago, capitano dell’esercito imperiale, si ritrovano al centro di un gioco tra potenze mondiali e forze arcane che li condurrà in un viaggio fino ai confini del mondo. E' questa la trama de "Il Sole dell'Impero", romanzo "fanta-archeologico" di Carlomanno Adinolfi appena uscito per Idrovolante Edizioni (direttore editoriale Roberto Alfatti Appetiti).
L'autore, giovane ingegnere elettronico con una passione per storia e mitologia indoeuropea, lo ha definito "una spy-story" con "elementi mitici ed esoterici": "A fare capolino sono tematiche, simboli, elementi archetipici che derivano dalla mitologia romana, da quella nordica, da quella buddhista, dal mondo ermetico e da quello mistico medievale. E poi gran parte della storia è incentrata su una certa visione 'filosofica' della fisica quantistica e della teoria delle stringhe che da sempre mi appassionano", ha raccontato, spiegando di aver risentito, più o meno volutamente a seconda dei casi, dell'influenza di autori come Stephen King, George R.R. Martin (Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco), e Michael Ende.
Fonte d'ispirazione per Adinolfi anche i fumetti, dal Tintin di Hergé al Blake et Mortimer di Edgar P. Jacobs, passando per i primissimi fumetti pulp, "quelli che - racconta - negli anni ’20 e ’30 venivano stampati sulla carta porosa da cui prende il nome il genere e che spaziavano dalle spy stories alle avventure fanta-archeologiche alla ricerca di mondi perduti tra mafiosi, agenti segreti e scienziati pazzi".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.