Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Psicopolizia PDF Stampa E-mail
Scritto da lanazione.it   
Lunedì 13 Febbraio 2017 00:27


L'inquisitore è dentro le mura

Scandicci (Firenze). Molti non avevano neanche idea che il loro commento su Facebook – colorito è dir poco – li portasse dentro una caserma di polizia giudiziaria. Con il risultato poi di finire indagati per istigazione all’odio razziale, minacce, diffamazione. Accuse pesanti per gente normale. Operai, casalinghe, studenti. Tutti finiti nel calderone dell’inchiesta della Procura fiorentina scaturita dall’esposto del sindaco di Scandicci, Sandro Fallani. Rischiano, ai sensi della legge Mancino del 1993, sino a un anno e mezzo di reclusione, o 6mila euro di multa.
Si sono ritrovati  all’Aurora in una riunione per contarsi e capire quali siano i possibili sviluppi della vicenda. Tra i promotori dell’incontro c’è il consigliere comunale della Lega Leonardo Batistini.
Gli esposti del sindaco Fallani riguardano infatti commenti relativi a tre post da lui pubblicati su Facebook nei mesi scorsi. Il primo riguarda la protesta di migranti all’Abetone, il secondo ritrae alcune senza fissa dimora che dormono nella biblioteca comunale, il terzo è relativo alla polemica sul centro migranti a Casellina. Post diventati virali, con centinaia di commenti. Alcuni di questi erano pesanti, tanto da scatenare non solo l’esposto - querela del sindaco, ma anche l’immediata presa di distanze dello stesso Batistini: «Io non cancello mai nessun post ma se non li togliete voi quelli che inneggiano alla violenza, ci penso io. Non voglio perdere la faccia per alcuni commenti».
Nella delibera di giunta che ha dato il via all’esposto in Procura sono stati elencati tutti i post più oltraggiosi. Con frasi tipo «Al gas tutti quanti sono lì in Comune»; «...ci vorrebbe un bel campo di detenzione stile Guantanamo, per fargli passare la voglia. In confronto i campi di concentramento erano dei resort per le vacanze!»; «Bravo... alle docce!!!»; «Io sono sempre per un bel falò in Comune chi c’è c’è». E ancora: «Io farei di meglio, li userei come cavie da laboratorio per testare i farmaci... perché testarli sugli animali? Se servono gli uomini testiamoli sugli uomini»; «Arrotateli»; «Ma un bel furgone e metti tutti sotto no?»; «Una bella schiacciasassi!»; «Ma finitela colle proposte e iniziamo colle fucilate».
A fronte di queste frasi esecrabili, ce ne sono altre di tenore più goliardico. Nella delibera di giunta che dava mandato al sindaco di presentare querela, si indicavano 26 commenti, ma evidentemente nel corso dell’inchiesta la Procura ha vagliato molte più posizioni, tanto che sarebbero circa 150 le persone che alla fine saranno passate davanti alla polizia e ai carabinieri incaricati di raccogliere tutte le testimonianze. C’è da dire che il pm Benedetta Foti, titolare dell’inchiesta, dopo aver vagliato le varie posizioni può chiedere al giudice dell’udienza preliminare il rinvio a giudizio o l’archiviazione per gli autori dei commenti a seconda della gravità dei contenuti.
"Intasare le aule di tribunale per una cosa di questo genere – commenta ora Batistini – è una cosa davvero assurda; forse il sindaco aveva di meglio da fare, tipo governare meglio la città, offrendo ai cittadini servizi in più e una maggiore cura di Scandicci".
Di tutt’altro parere invece il primo cittadino Sandro Fallani: "Abbiamo letto per giorni frasi dai toni irripetibili, usati da un numero costante di persone. Volevamo dare un messaggio di cambiamento, di rispetto istituzionale. Ci abbiamo pensato a lungo, ma alla fine della questione, il ripetersi di questi comportamenti lo abbiamo ritenuto inaccettabile per una comunità come la nostra".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.