Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non le chiameranno Waffen PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Martedì 28 Febbraio 2017 00:56


Ma l'idea promette bene

La Germania annuncia il rafforzamento delle forze armate (Bundeswehr): entro 7 anni si aggiungeranno altri 200.000 soldati. Lo ha annunciato il ministero della Difesa all'indomani dell'appello del vicepresidente Usa, Mike Pence, agli alleati Nato di investire di piu' per la Difesa.
Berlino aveva gia' preannunciato lo scorso maggio il primo incremento di truppe in assoluto dalla fine della Guerra Fredda, specificando che ci sarebbero stati ulteriori revisioni. Ora si prevede che la Bundeswehr vedra' la sua consistenza aumentare quest'anno di 20.00 effettivi fino ad un totale di 198.000 entro il 2024.
"La Bundeswehr mai come ora e' necessaria" ha dichiarato il ministro Ursula von der Leyen (nella foto) ricordando l'impegno "nella lotta contro Isis, la stabilizzazione del Mali (dove le truppe tedesche hanno sostituito parte del contingente francese, ndr), l'impegno in Afghanistan e la lotta ai trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo ed il rafforzamento della presenza Nato nei Paesi baltici Nato" in chiave di deterrente anti-russo. Nel corso degli anni, dopo la riunificazione del 1990, il numero dei militari era di 585.000 unità per poi crollare a 166.500 lo scorso giugno.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.