Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La strage di Atocha PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Sabato 11 Marzo 2017 00:53


Tredici anni fa a Madrid

L'11 marzo 2004 nella stazione madrilena di Atocha e in altri luoghi un'ondata terrorista produce 191 morti e 1500 feriti. Le responsabilità saranno attribuite a un commando jihadista che verrà interamente annientato pochi giorni dopo, senza lasciare alcun sopravvissuto. In realtà si tratta di qualcosa di più complesso che rientra in una serie di guerre oblique. La Spagna, approfittando della guerra in Iraq e dell'assenza francese dallo scenario, ha provato ad allargare le sue influenze nel Vicino Oriente. Con il risultato che ben otto agenti operativi sono stati assassinati sugli scenari di guerra. Anche agli inglesi l'iniziativa spagnola non è piaciuta. Così, l'offensiva terroristica, viene compiuta da una specie di Joint.venture cui partecipano anche l'Eta (sotto infliuenza londinese da sempre) e il Marocco, alleato di Londra nel contenzioso con Madrid. Il leader uscente, Aznar, alle elezioni che avvengono pochi giorni dopo paga lo scotto dell'attentato e quello di essere stato smentito sulla pista-Eta che, pertanto, è autentica. Vincerà le elezioni Zapatero.
L'anno successivo qualcosa di analogo avverrà a Londra: segno che anche loro hanno dato fastidio a qualcuno di più potente.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.