Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'entrata di riserva per la Turchia PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Lunedì 13 Marzo 2017 00:06


Proveranno a farle organizzare gli Europei

Germania e Turchia sono gli unici paesi interessati ad organizzare la fase finale degli Europei di calcio 2024. Lo ha comunicato la Uefa. Danimarca, Norvegia, Svezia e Finlandia avevano inizialmente annunciato un’offerta congiunta, senza però ufficializzarla. Le potenziali sedi sono chiamate ora a presentare un dossier completo entro aprile del prossimo anno. Quindi, a settembre, la scelta della Uefa.
In Turchia nell’ultimo decennio è stato avviato un programma di costruzione o ristrutturazione di 32 impianti e Ankara è quindi molto fiduciosa di ottenere l’evento dopo aver ritirato la candidatura per Euro 2020 (che si svolgerà in 13 città in tutto il continente) per concentrarsi sul sogno Olimpico dello stesso anno (sfumato in favore di Tokyo) e riproporsi in chiame 2024, appunto.In Turchia nell’ultimo decennio è stato avviato un programma di costruzione o ristrutturazione di 32 impianti e Ankara è quindi molto fiduciosa di ottenere l’evento dopo aver ritirato la candidatura per Euro 2020 (che si svolgerà in 13 città in tutto il continente) per concentrarsi sul sogno Olimpico dello stesso anno (sfumato in favore di Tokyo) e riproporsi in chiame 2024, appunto.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.