Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'Olanda alle urne sotto la minaccia turca PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 15 Marzo 2017 00:50


"Pagherete caro, pagherete tutto"

Il premier danese ha chiesto al collega turco Binali Yildrim di posticipare la visita a Copenhagen prevista a fine marzo per via degli "attacchi" della Turchia alla Olanda. "Chiedo al mio collega di posticipare il viaggio in Danimarca". ha scritto in un comunicato Lars Lokke Rasmussen.

L'Olanda "pagherà il prezzo" per il comportamento "vergognoso" nei confronti dei ministri turchi, ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in seguito alla decisione del governo olandese di accompagnare al confine la ministra turca della Famiglia Fatma Beytul Sayan Kaya impedendole di entrare al consolato e di vietare l'atterraggio del volo del titolare degli Esteri turco Cavusoglu. "Nazisti e fascisti" sono le accuse rivolte nuovamente da Erdogan all'Olanda. Il presidente turco ha chiesto alle organizzazioni internazionali di prendere posizione e imporre sanzioni contro l'Olanda.

Siamo stati costretti ad impedire ai ministri turchi di partecipare ai comizi elettorali perché Ankara ha minacciato sanzioni contro il nostro governo. E noi "non possiamo avere a che fare con chi fa questo tipo di minacce". Lo ha detto il premier olandese Mark Rutte, spiegando di aver dunque "tracciato una linea rossa". E di essere rimasto scioccato nel vedere uno dei ministri turchi cercare di arrivare a Rotterdam in macchina, dopo che il governo olandese aveva detto chiaramente che non era la benvenuta.

E' intanto rientrata ad Istanbul la ministra turca della famiglia Fatma Betul Sayan Kaya che sabato aveva fatto sapere attraverso il suo account Twitter che le autorita' olandesi la stavano scortando verso il confine con la Germania in una maniera che ''calpesta tutti i valori democratici e umani''. Giunta in patria è tornata ad accusare l'Olanda sostenendo che i memebri del suo staff sono stati fermati a Rotterdam.

Sabato sera la ministra aveva twittato: ''Il mondo intero deve reagire contro questa prassi fascista! Un simile trattamento contro una donna ministro non puo' essere accettato''. Mentre il sindaco di Rotterdam aveva spiegato che era "stata dichiarata straniera non gradita dal governo''. Nel frattempo centinaia di dimostranti a favore della Turchia si sono scontrati con la polizia mentre le autorita' cercavano di mettere fine alla manifestazione davanti al consolato di Rotterdam. Ad un certo punto i manifestanti hanno lanciato bottiglie, la polizia a cavallo ha caricato. Il bilancio è stato di sette feriti e 12 arresti.

 

La tensione tra Turchia ed Europa è salita dopo la decisione dell'Olanda di vietare il diritto di atterraggio al volo di Stato del ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, atteso a Rotterdam per un comizio pro-referendum.
Secondo il governo de L'Aja, non c'erano le condizioni per garantire la sicurezza perché i turchi avevano convocato una grande manifestazione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.