Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Maledetta dalla mummia PDF Stampa E-mail
Scritto da rainews.it   
Lunedì 20 Marzo 2017 00:27


La domanda però è chi delle due

Tutto parte da una scoperta eccezionale avvenuta nel 1993 in Siberia, quando venne ritrovato il corpo congelato e ben conservato grazie al permafrost (quella parte del suolo che nei climi freddi rimane perennemente gelato in profondità) di una principessa, con tanto di corredo regale e carrozza con sei cavalli bardati e sellati. Le braccia della donna erano ricoperte da alcuni tatuaggi molto particolari: un cervo con il becco di grifone e le corna di un capricorno. Secondo gli scienziati, ciò dimostra il suo status di guaritrice e santona, insomma una sciamana. Fino a qui i fatti. Ma secondo le superstizioni locali l’incontro a tu per tu con la mummia porterebbe molta sfortuna. Nel 1997 Hillary Clinton, in visita a Novosibirsk, capoluogo della Siberia, volle vedere la Principessa Ukok. L’incontro venne anche immortalato in una fotografia ora esposta nel museo. La visita guidata venne organizzata solo per la allora ‘First Lady’ che (ovviamente) incrociò il suo sguardo. Da quel momento, secondo i locali, sarebbero cominciati i guai per la signora Clinton. Due mesi dopo la visita, nel gennaio del 1998, scoppiò lo scandalo di Monica Lewinsky e la vita e la carriera di Hillary Clinton furono segnate da una serie di eventi negativi, culminati nella sconfitta elettorale con Donald Trump. Sarà veramente tutta colpa della principessa-sciamana Ukok?

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.