Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Eccoli gli "antimondialisti" dei camerati geopolitici PDF Stampa E-mail
Scritto da secoloditalia.it   
Mercoledì 22 Marzo 2017 00:11


Il premier dei saddamicidi esalta la figura di Trump

 

Bastano poche parole al premier iracheno Haider al-Abadi per sintetizzare il suo primo incontro con Donald Trump: dopo il faccia a faccia alla Casa Bianca, in un intervento allo United States Institute of Peace di Washington Abadi si è detto convinto che gli Usa aumenteranno il sostegno all’Iraq nella lotta all’Is. Il premier ha riferito di aver avuto l’impressione che l’Amministrazione Trump possa adottare un approccio più “aggressivo”, pur sottolineando come l’Is non possa essere sconfitto solo con la forza militare. «Non ho visto un piano. So che c’è un piano», ha detto Abadi, citato dai media Usa, in risposta a una domanda sul piano dell’Amministrazione Trump per la lotta all’Is. «Noi abbiamo il nostro piano – ha proseguito, mentre in Iraq continua la battaglia delle forze di sicurezza contro il gruppo di Abu Bakr al-Baghdadi –. La regione deve avere un piano per eliminare il terrorismo». Il presidente Usa ha confermato il «sostegno» all’Iraq nella «battaglia comune» contro l’Is, ha fatto sapere la Casa Bianca quindi,  sottolineando le strette relazioni tra i due Paesi e «l’importanza dei rapporti tra i nostri governi».
Patto di ferro Usa-Iraq: stretta di mano tra Trump e Abadi
La dichiarazione diffusa dopo l’incontro parla dell’impegno a cooperare «sradicare il terrorismo dall’Iraq e rafforzare le forze di sicurezza irachene e altre istituzioni», riconoscendo tuttavia che «il terrorismo non può essere sconfitto solo con la forza militare». Trump e Abadi si dicono quindi «fiduciosi» che «nonostante l’Is resti un nemico pericoloso» verrà «sconfitto», e ribadiscono come la «cooperazione in materia di sicurezza sia un elemento fondamentale della sicurezza nazionale di Usa e Iraq». Il Paese arabo era stato inserito nella prima versione dell’ordine esecutivo sull’immigrazione e poi escluso dalla seconda. Per i «prossimi mesi» sono previste allora consultazioni per «rafforzare i rapporti commerciali tra Usa e Iraq e promuovere gli investimenti, ampliare la cooperazione nel settore dell’energia e individuare nuove opportunità di cooperazione nel campo della cultura e dell’istruzione». Abadi, è stato deciso infine, parteciperà all’incontro a Washington della coalizione internazionale anti-Is. E non solo.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Marzo 2017 09:54
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.