Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Nati sotto il segno dei pesci PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Venerdì 07 Aprile 2017 00:09


Servono amici anche lì
Anche i pesci hanno bisogno di amici, soprattutto nei momenti difficili. Non è un consiglio per chi vuole allestire un acquario, ma il risultato di ricerche condotte sui pesci zebra, studiati da tempo dai genetisti e in questo caso utilizzati per comprendere meccanismi meno noti alla base del comportamento e utili per combattere depressione e ansia nell'uomo. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, si deve all'Istituto di Scienza Gulbenkian e Fondazione Champalimaud, a Oieras in Portogallo (ISPA).
I ricercatori hanno cercato di identificare i meccanismi neurali che sono alla base del fenomeno del sostegno sociale nei pesci zebra. Gli esperimenti hanno mostrato che quando i pesci si trovano in una situazione di pericolo hanno meno paura se sono in gruppo, rivelando così anche in questa specie la necessità del sostegno sociale. 
I ricercatori hanno poi individuato quali meccanismi visivi o olfattivi hanno un impatto maggiore nel minimizzare la risposta alla paura in una situazione di pericolo. I risultati hanno rivelato che per un individuo si sente più sicuro e protetto se è circondato dal suo gruppo, ma anche che l'efficacia del sostegno sociale, in queste situazioni, non dipende dalle dimensioni del gruppo stesso.
Lo studio ha anche mostrato che il fenomeno del sostegno sociale nei pesci zebra attiva diverse aree cerebrali, le stesse che vengono coinvolte nei mammiferi. "Anche se nei pesci zebra il sostegno sociale non ha la stessa complessità che ha negli esseri umani - spiega il primo autore dello studio, Ana Faustino - questa ricerca ci permetterà di esplorare in profondità i meccanismi neurali coinvolti nei comportamenti, che sono fondamentali per il benessere e la salute mentale della specie umana e che hanno anche una particolare rilevanza in alcune malattie come la depressione".



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.