Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
222324252627
293031    

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ma la fine di Gibilterra incomincia dalla Brexit? PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Mercoledì 05 Aprile 2017 00:45


Ora a Londra si teme l'effetto Regno Disgregato

Theresa May come Margaret Thatcher, dopo le Falkland, Gibilterra? È l'ipotesi o meglio la non tanto velata minaccia circolata ieri a Londra, davanti alle indiscrezioni secondo cui la Spagna potrebbe usare il negoziato sulla Brexit per risolvere un contenzioso che va avanti da decenni e riprendersi la rocca britannica affacciata allo stretto che chiude il Mediterraneo. "La premier May entrerebbe in guerra per tenere Gibilterra", dice Michael Howard, ex-leader del partito conservatore (prima di David Cameron) e uno dei pezzi grossi dei Tories. "Proteggeremo Gibilterra fino alle ultime conseguenze", avverte il ministro della Difesa Michael Fallon. Parole inequivocabili: se Madrid provasse a mettere le mani sul minuscolo enclave con l'Union Jack sul pennone, Londra sarebbe pronta a far tuonare i cannoni.
Due sviluppi degli ultimi giorni sembrano la causa della durissima reazione del Regno Unito. Il primo è un documento diffuso venerdì dal Consiglio Europeo secondo cui la Spagna riceverebbe un veto di fatto sulla possibilità di applicare la Brexit anche a Gibilterra o meno. In sostanza, se il governo spagnolo si opponesse a estendere alla rocca gli accordi sull'uscita della Gran Bretagna dalla Ue, resterebbero due possibilità: o Londra accetta e Gibilterra rimane in sostanza parte dell'Unione Europea, in pratica una forma di annessione alla Spagna o quasi; oppure Londra rifiuta e allora la Spagna mette un veto agli accordi, cosicchè la Gran Bretagna lascia la Ue senza nessuna intesa commerciale o di altro tipo in sostituzione di quelle attuali.
Il secondo sviluppo è trapelato nel fine settimana, quando Alfonso Dastis, ministro degli Esteri spagnolo, avrebbe dichiarato che il governo di Madrid non metterebbe un veto al desiderio della Scozia di far parte dell'Unione Europea dopo avere eventualmente ottenuto l'indipendenza dal Regno Unito. Fino ad ora l'opinione dominante era che la Spagna si sarebbe tenacemente opposto a un'adesione della Scozia alla Ue, automatica o mettendosi in coda per iscriversi, in caso di indipendenza dalla Gran Bretagna, per non segnalare alla Catalogna una possibilità simile se un giorno otterrà l'indipendenza dalla Spagna. Invece ora sembra che la Spagna non si opponga più all'appartenenza della Scozia alla Ue. Le possibili ragioni variano. La situazione di Scozia e Catalogna è differente. Le regole costituzionali di Spagna e Gran Bretagna sono diverse. E così via.
I tormenti di Gibilterra che voleva l'Europa, ma è fuori
Ma a Londra c'è il sospetto che l'apertura alla Scozia sia un segnale di ostilità contro il Regno Unito: un modo per aiutare gli scozzesi a ricevere da Downing Street l'autorizzazione al referendum per l'indipendenza già approvato dal Parlamento di Edimburgo. Una delle argomentazioni britanniche per rifiutarlo è sempre stata che, uscita dalla Gran Bretagna, la Scozia non potrebbe entrare nella Ue: la Spagna, annunciando che non si opporrebbe più, fornisce dunque un implicito aiuto agli indipendentisti.
Come che sia, di certo c'è la risposta violentissima del governo May. Attraverso il ministro della Difesa Fallon, intervistato nel talk show domenicale della Bbc, che parla di ricorso a 'estreme conseguenze', chiara metafora dell'opzione militare, per proteggere Gibilterra. "Gli abitanti di Gibilterra hanno più volte affermato che non vogliono essere governati dalla Spagna. La Rocca sarà protetta fino in fondo", dice Fallon. E attraverso l'ex-leader conservatore Howard, che intervistato da Sky News afferma: "Trentacinque anni fa esatti un'altra donna primo ministro britannico inviò le nostre truppe dall'altra parte del mondo per difendere la libertà di un altro piccolo gruppo di cittadini britannici contro un altro Paese che parlava spagnolo. Sono assolutamente certo che la nostra attuale premier dimostrerebbe la stessa risolutezza per gli abitanti di Gibilterra".
Dopo la guerra delle Falkland, scoppierà dunque la guerra di Gibilterra? Sarebbe la conseguenza più drammatica della Brexit. Al momento, naturalmente, c'è soltanto una guerra di parole. Ma a proposito della Brexit è il caso di notare che, nel referendum del giugno scorso, hanno votato anche gli abitanti di Gibilterra: schierandosi, al 99,9 per cento, per rimanere nell'Unione Europea.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.