Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dobbiamo pagare i danni PDF Stampa E-mail
Scritto da bastamag.net   
Martedì 02 Maggio 2017 00:12


per esserci rifiutati di accettare i danni

E’ la volta dell’ Italia ad essere trascinata in tribunale da una multinazionale del petrolio.
Il suo crimine?  Voler proteggere le proprie coste dal rischio di una fuoriuscita di petrolio. L’Italia è stata chiamata dinanzi ad una corte di arbitrato internazionale dalla Rockhopper Exploration, una compagnia del petrolio e del gas britannico che chiede un risarcimento danni. Viene contestato all’Italia  il divieto, approvato dal Parlamento italiano a gennaio 2016, ad intraprendere nuove attività di esplorazione e perforazione entro le 12 miglia nautich, cioè fino a  venti chilometri dalla costa [1].
La Rockhopper ha ottenuto nel 2015 le autorizzazioni per sfruttare un deposito sottomarino, situato nel mare Adriatico ad una decina di chilometri al largo della costa abruzzese.  Si stima che il deposito contenga 40 milioni di barili di petrolio e 184 milioni di m3 di gas. Dopo che la concessione è stata negata nel mese di febbraio 2016, a seguito del divieto approvato dal Parlamento italiano, ora la Rockhopper sostiene che quella decisione viola il Trattato della Carta europea dell’Energia firmata nel 1998, che recita  “fornire una piattaforma per investimenti stabili nel settore energetico”.  [2]  La multinazionale ha detto che deferirà l’Italia a un tribunale di arbitrato internazionale per aver subito un  “grave danno economico” sulla base dei potenziali utili futuri e non sulla base degli investimenti già effettuati.[3].
Questo tipo di richiesta risarcimento richiesto dalle multinazionali si sta moltiplicando, in particolare nei settori del petrolio, del gas e delle materie minerarie, dove si sta cercando di inquadrare una legislazione ambientale che tuteli l’ambiente e i lavoratori. In Europa, il gigante energetico svedese Vattenfall  sta chiedendo più di 3,7 miliardi di euro alla Germania, a titolo di compensazione per la sua decisione di abbandonare l’energia nucleare.
Anche la società canadese Lone Pine Resources   ha chiesto $ 250 milioni di dollari al Canada, in seguito al blocco imposto alle ricerche con il crack – idraulico, dal Quebec nella Valle del San Lawrence. La società civile è preoccupata che il Ceta, l’accordo di libero scambio tra  Canada e Unione Europea, appoggiato in Francia  da François Hollande, possa, nei prossimi anni, provocare nuove citazioni in giudizio a causa delle norme ambientali .

Note

[1] Le restrizioni applicate tra il  2010 e il 2012  per effetto della  esplosione della piattaforma petrolifera « Deepwater Horizon »  sono state approvate a gennaio  2016 anche dal Parlamento italiano. Vedi in questo articolo
[2] Vedi articolo di The Times
[3]  Il giacimento scoperto nel  2008 dalla  Mediterranean Oil and Gas, che  la Rockhopper ha acquisito nel 2014 per 29,3 milioni di sterline  (33,9 milioni di euro)

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.