Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Bolle in vista PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 12 Maggio 2017 00:14


Il mercato azionario rischia grosso?

Fuori dal mercato azionario. Subito. Il consiglio arriva da David Stockman, ex direttore dell’Ufficio di Gestione e Bilancio sotto la presidenza Ronald Reagan, che torna ancora una volta a ribadire l’idea che la luna di miele tra le Borse e Trump ha vita breve.
Lo ha ribadito durante un’intervista a Usa Whatchdog, durante la quale ha sottolineato:
“L’azionario è troppo instabile. A questo punto, non c’è più ragione di restare nel mercato” ha detto, specificando che a fronte di un possibile rialzo di due-tre punti percentuali, “il rischio è quello di trovarsi di fronte a una flessione del 30-40%”.
Nulla di buona in vista anche per il mercato obbligazionario che, secondo il parere di Stockman, “si trova in una gigante bolla causata dalle politiche espansive delle banche centrali, che continuano ad acquistare titoli di stato”.
“Le politiche espansive adottate da tutti i principali istituti di politica monetaria sono vicine alla fine” ha detto Stockman, aggiungendo che “la fine delle iniezioni di denaro nel sistema porterà il mercato obbligazionario in un posto molto pericoloso”. “Se le banche centrali non avessero acquistato 20 trilioni di dollari di titoli di Stato di tutto il mondo, come hanno fatto nel corso degli ultimi due decenni, i rendimenti sul debito sarebbero ovunque molto superiori”. 
Di qui il consiglio di uscire dal mercato obbligazionario, in vista dello scoppio di una bolla mai vista prima. In questo contesto, l’unico asset su cui conviene puntare è l’oro. Che, alla luce delle prospettive delineate dall’economista, risultano l’unica ancora di salvezza in un mare in tempesta.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.