Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Sudore di stelle PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 10 Agosto 2017 00:39


La ricerca di identico a sé a milioni di anni luce

Luccicano come gocce di sudore, le molecole di acqua che si trovano nell'atmosfera di un 'bollente' pianeta esterno al Sistema solare chiamato WASP-121b. La loro presenza, individuata grazie alle osservazioni nell'infrarosso del telescopio spaziale Hubble, di Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), dimostra l'esistenza di uno strato dell'atmosfera (chiamato stratosfera) in cui la temperatura aumenta con l'altitudine, proprio come sulla Terra e in diversi pianeti del nostro Sistema Solare.
Sul pianeta WASP-121b, distante quasi 900 anni luce, però, la stratosfera raggiunge i 2.500 gradi, una temperatura a cui potrebbero bollire metalli come il ferro. Lo dimostra lo studio pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo internazionale guidato dall'università britannica di Exter.
I dati raccolti "sono entusiasmanti, perché dimostrano che una caratteristica tipica della maggior parte delle atmosfere del Sistema solare (ovvero la presenza di una stratosfera calda) può essere trovata anche negli esopianeti", spiega Mark Marley, co-autore dello studio che lavora in California presso il Centro di ricerche Ames della Nasa. "Ora possiamo confrontare i processi che avvengono nelle atmosfere degli esopianeti con gli stessi processi che avvengono in condizioni diverse nel nostro Sistema solare".
In passato la presenza della stratosfera era già stata ipotizzata per diversi esopianeti, ma la prima prova davvero convincente è arrivata grazie allo studio del gigante gassoso WASP-121b, che ha una massa pari a 1,2 volte quella di Giove e un diametro quasi doppio. Se Giove completa un giro intorno al Sole ogni 12 anni, WASP-121b orbita intorno alla sua stella madre con un periodo di appena 1,3 giorni, ed è così vicino che quasi rischia di essere squarciato per effetto della sua forza di gravità.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.