Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tempi Moderni
Thomas Beckett a Santiago PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Lunedì 26 Luglio 2004 01:00

Delitto nella Cattedrale. In questa riedizione della storica tragedia consumatasi nel 1170 c’è molto più squallore: nello scenario, nei protagonisti, nei costumi, nei moventi. Parva tempora currunt

Santiago del Cile, 25 lug. - Un sacerdote italiano, padre Faustino Gazzieri de Stefani, di 69 anni, e' stato assassinato a coltellate da un energumeno mentre stava celebrando la messa vespertina nella cattedrale metropolitana di Santiago del Cile, Paese nel quale il religioso si era trasferito fin dal 1960. Lo riferiscono il quotidiano locale 'Las Ultima Noticias' e la 'Misna', agenzia di stampa delle congregazioni missionarie. Erano circa le 18,30 di ieri, le 23,30 ora italiana, allorche' in chiesa e' comparso all'improvviso un giovane di corporatura robusta, interamente vestito di nero e armato di coltello. Padre Gazzieri aveva appena congedato i fedeli al termine della funzione allorche' l'individuo ha gridato "Ti uccido!" e si e' scagliato su di lui, colpendolo con la lama e tagliandogli la gola. “Mi ha inviato il Demonio” avrebbe detto l’omicida a chi lo ha catturato.

 
Il tonfo delle volontà PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Lunedì 26 Luglio 2004 01:00

Come evitare che le prossime generazioni siano tutte tossicodipendenti ? Per gli Inglesi è molto semplice: bisogna vaccinarle. Solo la chimica contro la chimica. E l’uomo, quello che si distingue dalla bestia per la volontà ? Chi se lo ricorda più.

Un radicale programma di vaccinazione dei bambini contro la futura dipendenza da droghe e fumo e' allo studio del governo britannico. Lo rivela il domenicale 'The Independent on Sunday', secondo il quale il vaccino entro due anni dovrebbe essere disponibile sul mercato. Il ministero dell'Industria e Commercio ha attivato uno speciale progetto per investigare modi per utilizzare gli avanzamenti della scienza nella lotta contro le dipendenze ed il programma di vaccinazione e' una delle proposte avanzate da un comitato di esperti. I bambini vaccinati una volta diventati adulti non proverebbero lo stato euforico indotto dalle droghe e quindi non avrebbero nessuno stimolo ad assumerle.
 
Rosso di sera "madama" ti spara PDF Stampa E-mail
Scritto da Reuters   
Giovedì 22 Luglio 2004 01:00

Nel mondo pazzo di oggi succede anche questo. Attraversi a piedi col rosso e la polizia ti spara addosso. Mettetegli una divisa….

Un poliziotto ceco ha sparato ad un pedone che stava attraversando col rosso. Prima un colpo in aria poi due contro il pedone in infrazione che è stato mancato per caso. Il poliziotto troppo zelante è ora sotto inchiesta. Lo faranno deputato ?

 
Il Grande Caino PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Mercoledì 21 Luglio 2004 01:00

Una vittima dei reality show. Giovane diciottenne filma il proprio suicidio. A passi sempre più rapidi nel delirio contemporaneo

Un ragazzo di 18 anni, appena compiuti, si e' suicidato, nella sua abitazione di Ostia, vicino Roma, sparandosi un colpo di pistola e prima di compiere il gesto ha girato una videocassetta nella quale spiega i motivi che lo hanno portato a togliersi la vita. Il video e' stato lasciato dallo stesso ragazzo ai genitori del suo migliore amico. Appena vista la cassetta, il giovane ha avvertito i carabinieri che sono andati nell'appartamento di viale Vittoria.
Il video, girato da F.L. con la sua telecamera digitale, e' una sorta di testamento nel quale il giovane suicida spiega, in tre motivi, il perche' e' arrivato all'idea della morte come ''rimedio alle sofferenze''.
In un discorso lucido, determinato e a tratti, hanno spiegato i carabinieri del Reparto Territoriale di Ostia, anche freddo, il giovane racconta al suo migliore amico che il ''primo motivo che lo ha spinto al suicidio rimarra' un segreto tutto personale e che nessuno lo sapra' mai'', poi, aggiunge, ''il secondo e' che voglio smettere di soffrire, il terzo e' che, visto che prima o poi tutti se ne vanno, non ho paura di accelerare questo processo 
ERITREA: 200 METICCI CHIEDONO CITTADINANZA ITALIANA PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Martedì 20 Luglio 2004 01:00

Asmara - "Sono italiani-non-italiani, perche' a loro e' stato negato il pieno riconoscimento della cittadinanza che gli appartiene di diritto. Sono insomma i meticci.

E per meticci si intende coloro che sono italiani per parte di padre ed eritrei per parte della madre, o viceversa. Persone relegate a vivere nell'anonimato la loro appartenenza alla razza bianca, assimilate in tutto e per tutto alla popolazione locale, spesso con uno status subordinato". E' questo l'appello di padre Protasio Delfini, presidente del Comitato di studi cittadinanza italo-eritrei, al ministro per gli Italiani nel mondo, Mirco Tremaglia, in visita ad Asmara. Si tratta, spiega padre Delfini, di circa 200 persone che chiedono da anni la cittadinanza italiana e che non hanno ancora visto realizzato il loro sogno, pur avendone diritto. "Piu' tempo passa - dice il sacerdote - piu' le attese si fanno lunghe e penose. Ed i tempi della giustizia italiana, purtroppo, sono lunghi, troppo lunghi. E piu' sono lunghi i tempi, piu' la lista dei richiedenti si assottiglia e, questo per ovvi motivi. Chi muore, lascia in eredita' ai figli il retaggio di una vita sprecata nell'attesa di un sogno irrealizzabile".
Immediata la risposta del ministro Tremaglia che in mattinata nella capitale eritrea ha incontrato proprio i rappresentanti della comunita' italiana.
"Il governo - dice Tremaglia - sta affrontando la questione. Ci sono state sentenze in varie parti d'Italia a favore ad altre, come a Roma, contrarie. La documentazione e' la vera difficolta', anche perche' quando non si ha piu' il padre e la madre e' difficile provare di avere origini italiane. E' una questione complessa che bisognera' affrontare rapidamente caso per caso". (AGI) Red/Sep/Van
 
Antirazzista a chi? PDF Stampa E-mail
Scritto da Beowulf   
Martedì 20 Luglio 2004 01:00

Si sono conclusi pochi giorni fa i tristissimi Mondiali Antirazzisti, fiera dell'ipocrisia e del più becero volemose bene. Unico neo: una mega rissa tra le squadre partecipanti ... che altro non conferma la falsità interiore di questi sinistri figuri.

Si sono svolti dall'8 all'11 luglio, a Montecchio, in provincia di Reggio Emilia, i tristissimi Mondiali Antirazzisti, giunti all’ottava edizione e ogni anno svolti in collaborazione con la FIFA econ la Rete FARE (Football Against Racism in Europe).

Hanno partecipato168 le squadre, in rappresentanza di 40 paesi e per un totale di oltre 6.000 partecipanti.

Contro la discriminazione, il razzismo ed il pepe nella peperonata, questi paladini della giustizia e custodi dell'unica verità, sono venuti alle mani ... per uno striscione non gradito.

Fulgido esempio di tolleranza ...

 
I terroristi internazionali oggi colpiscono dal cielo PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Domenica 18 Luglio 2004 01:00

Ha provocato almeno quattordici morti, tutti iracheni, il bombardamento di una casa a Falluja da parte di velivoli americani, avvenuto di primo mattino. Ogni commento sarebbe davvero di troppo.

Raid aereo Usa contro casa a Falluja: almeno 14 morti. Su internet video della decapitazione ostaggio Usa, Paul Johnson. - Ha provocato almeno quattordici morti, tutti iracheni, il bombardamento di una casa a Falluja da parte di velivoli americani, avvenuto di primo mattino. Lo hanno denunciato fonti del principale ospedale locale. Dal canto suo l'Esercito Usa ha confermato l'effettuazone di raid aerei contro abitazioni nella citta' roccoforte della guerriglia sunnita, situata una sessantina di chilometri a ovest di Baghdad. Negli ultimi due mesi parecchi attacchi analoghi sono stati sferrati contro edifici indicati come covi dei seguaci di Abu Musab al-Zarqawi, il super-terrorista di origini giordane considerato l'emissario di 'al-Qaeda' in Iraq. Intanto sul sito internet della cellula saudita di al Qaeda e' apparso oggi un video sulla decapitazione dell'ingegenere aeronautico statunitense Paul Johnson. La terribile sequenza dura circa due minuti. Johnson, 49 anni, dipendente della Lokheed Martin, societa' produttrice di elicotteri militari, fu giustiziato il 18 giugno dai militanti di al Qaeda alla scadenza dell'ultimatum dato alle autorita' saudite per la scarcerazione dei militanti islamici
 
Verso la barbarie totale PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Domenica 18 Luglio 2004 01:00

Ucciso a colpi di machete per uno scooter. E' accaduto ad Avignone, la vittima aveva quindici anni. Il consumismo e individualismo sempre più spesso a braccetto con la violenza sadica. Chi ha detto “migliore dei mondi possibili”?

AVIGNONE - Ha resistito ad uno sconosciuto che voleva sottrargli il motorino, ed è stato ucciso con due colpi di machete. E' successo ad Avignone, la vittima è un giovane di quindici anni assassinato barbaramente da un ragazzo intorno ai vent'anni, ora ricercato dalla polizia grazie ad un identikit.

Romain, questo il nome della vittima, nel tardo pomeriggio di ieri era in compagnia della propria fidanzata, a poca distanza dall'abitazione di un parente, all'Ile de la Barhelasse, un isolotto sul Rodano, il fiume che bagna la città dei Papi. Ad un tratto un ragazzo, fra i 18 e i 25 anni, si è avvicinato ai due e ha chiesto a Romain prima una sigaretta poi, direttamente, di consegnargli le chiavi del motorino.

Il quindicenne ha cercato di reagire e a quel punto l'altro ha estratto da un pacco un machete ed ha colpito il ragazzo prima alla nuca e poi alla testa, uccidendolo. Poi, impossessatosi dello scooter, è fuggito in fretta.

In base alla testimonianza della ragazza che si trovava con Romain, è stato possibile realizzare un identikit dell'omicida. Subito è scattata la caccia all'uomo: lapolizia lo cerca in tutta la Valchiusa, il dipartimento di Avignone, e nei dipartimenti limitrofi del Garde e delle Bouches-du-Rhone. Ma dell'assassino ancora nessuna traccia.

 
Brunei: convocato parlamento per la prima volta dopo 40 anni. Non sanno cosa fanno. PDF Stampa E-mail
Scritto da Swiss.info   
Venerdì 16 Luglio 2004 01:00

BANDAR SERI BEGAWAN - Per la prima volta da 40 anni nel Brunei - monarchia assoluta, che vive dal 1962 «sotto stato d'urgenza» - verrà convocato il parlamento. Lo ha annunciato oggi dal sultano miliardario Hassanal Bolkian, nel giorno delle celebrazioni nazionali del suo cinquantottesimo compleanno.

Hassanal, dal 1967 capo di Stato e di governo di questo piccolo paese del sud-est asiatico diventato indipendente solo vent'anni fa, ha dichiarato alla televisione di voler «dare più possibilità ai cittadini d'impegnarsi e contribuire al progresso nazionale», decidendo, in tal senso, di «riattivare il parlamento».

«Il parlamento si riunirà tra breve», ha aggiunto il sultano, che accumula su di sè le funzioni di primo ministro, ministro della Difesa e ministro delle Finanze.

Hassanal non ha precisato se i deputati saranno eletti o nominati ma secondo un responsabile del governo sembrerebbe che il sultano abbia intenzione di indire le elezioni.

L'ultima volta che il parlamento del Brunei si è riunito è stato nel 1962, quando il sultano Omar Ali Saifuddin, padre e predecessore dell'attuale, lo aveva dissolto a seguito della vittoria del Partito popolare di sinistra alle elezioni legislative.

All'epoca, le rivendicazioni del Partito popolare per il ristabilimento della normalità democratica erano state represse provocando una rivolta armata, prontamente messa a tacere.

Lo stato d'emergenza, tuttora in vigore, fu dichiarato da Omar, e il risultato delle elezioni venne annullato. Da allora la monarchia è riuscita a evitare rivolte popolari assicurando ai sudditi un livello relativamente elevato standard di vita.

Lo Stato del Brunei conta meno di 400mila abitanti e vive in prosperità grazie soprattutto alle sue riserve di petrolio e gas, che hanno fatto di Hassanal uno degli uomini più ricchi del mondo, con un portafogli valutato in 30 miliardi di dollari.

Il sultano è noto anche per la sua passione per le auto di lusso - tra le ultime acquistate, cinque Phantom corazzate, munite di vetri anti-proiettile e televisore al plasma, al costo di 5 milioni di sterline - che colleziona da anni.
 
Quando crollano le vette PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Venerdì 16 Luglio 2004 01:00

Franano una dopo l’altra alcune punte delle Dolomiti. Lo si deve alla struttura porosa di quella roccia unica al mondo o c’entra anche il surriscaldamento planetario ? Certo che chi crede nei simboli…

Dopo la punta del piccolo Cir, franata con la sua croce di ferro nei giorni scorsi, un altro pezzo di Dolomiti si e' sgretolato. E' accaduto nel parco naturale delle Odle. Un migliaio di metri cubi di roccia della parete ''Canssles''a quota 2.600 e' franato a valle per un centinaio di metri, andando a finire sul sentiero 13 dell'Alta via delle Dolomiti. Fortunatamente nel momento della frana non passavano alpinisti e percio' non vi sono feriti.
Quello della caduta di costoni rocciosi e' un fenomeno tipicamente estivo e, secondo gli esperti, e' dovuto alle particolarita' della roccia dolomitica. Si tratta infatti di un materiale relativamente poroso, frutto dell'accumulo, migliaia e migliaia di anni fa, dei micro/organismi acquatici sviluppatisi sotto la superficie di mare che a suo tempo copriva le vallate. Con le frequenti piogge e con gli sbalzi termici particolarmente elevati, tipici della stagione estiva, la roccia cede e alcune parti precipitano a valle. E' proprio a questo fenomeno che viene attribuito il tipico aspetto scosceso delle cime dolomitiche.

 
Alla fiera dell’individualismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Venerdì 16 Luglio 2004 01:00

Succede anche questo. Genitori/mostri danno l’eroina al figlio di quattro anni. “Serviva per farlo dormire”

Davano l'eroina anche al figio di 4 anni: una giovane coppia di genitori e' stata arrestata. La drammatica e grave vicenda e' emersa nel corso delle indagini che ha portato gli uomini della Squadra Mobile di Roma ad eseguire i 28 arresti nella capitale. Ventinovenni, entrambi incensurati, residenti nel quartiere Centocelle, secondo quanto accertato dagli investigatori, avevano piu' volte drogato il proprio figlio somministrandogli dell'eroina, in piccole dosi, nel biberon per tenerlo buono e farlo dormire. La coppia si occupava inoltre di detenere nella propria abitazione lo stupefacente per conto dell'organizzazione

 
<< Inizio < Prec. 181 182 183 184 185 186 187 188 189 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.