Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2016  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Glob
Discriminazione razziale PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 15 Luglio 2016 00:35


Se sei bianco paghi il biglietto. E l'autobus si ribella

Leggi tutto...
 
L'immigrazione, questa risorsa PDF Stampa E-mail
Scritto da informare.over-blog.it   
Venerdì 15 Luglio 2016 00:17


e io pago

Leggi tutto...
 
Con la scusa della Brexit PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Martedì 12 Luglio 2016 00:15


Le banche si ricapitalizzano e fingono di farlo per noi


La sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea è attesa per il 19 luglio e se sarà conforme alle conclusioni che l’avvocato generale Nils Wahl ha presentato il 18 febbraio scorso — tendenzialmente è sempre così — per i salvataggi bancari si apre un nuovo scenario che andrebbe a contemplare aiuti di Stato non più subordinati alla condivisione degli oneri tra azionisti, obbligazionisti e correntisti oltre i 100 mila euro.
Al centro della causa finita sul tavolo della Corte c’è il salvataggio degli istituti di credito sloveni deciso nel 2013 da Lubiana: un’iniezione da 3 miliardi al sistema bancario e il sacrificio dei possessori di obbligazioni subordinate. Una mossa che ha evitato alla Slovenia di finire sotto un programma di assistenza finanziaria internazionale ma che ha scatenato la reazione dei piccoli azionisti che hanno fatto causa a Banca di Slovenia e agli istituti di credito in diversi tribunali del Paese, contestando la cancellazione del capitale di bond e azioni. La Corte costituzionale slovena si è rivolta alla Corte di Giustizia Ue, chiedendo indicazioni sulla validità e l’interpretazione delle disposizioni contenute nella comunicazione della Commissione Ue sul settore bancario, applicata dal primo agosto 2013. La causa di fatto riguarda le misure di «bail-in» che subordinano la possibilità di concedere aiuti di Stato al settore bancario all’obbligo di cancellazione del capitale, del capitale ibrido e degli strumenti di debito subordinato (insomma, l’azzeramento di titoli e obbligazioni).La sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea è attesa per il 19 luglio e se sarà conforme alle conclusioni che l’avvocato generale Nils Wahl ha presentato il 18 febbraio scorso — tendenzialmente è sempre così — per i salvataggi bancari si apre un nuovo scenario che andrebbe a contemplare aiuti di Stato non più subordinati alla condivisione degli oneri tra azionisti, obbligazionisti e correntisti oltre i 100 mila euro.
Al centro della causa finita sul tavolo della Corte c’è il salvataggio degli istituti di credito sloveni deciso nel 2013 da Lubiana: un’iniezione da 3 miliardi al sistema bancario e il sacrificio dei possessori di obbligazioni subordinate. Una mossa che ha evitato alla Slovenia di finire sotto un programma di assistenza finanziaria internazionale ma che ha scatenato la reazione dei piccoli azionisti che hanno fatto causa a Banca di Slovenia e agli istituti di credito in diversi tribunali del Paese, contestando la cancellazione del capitale di bond e azioni. La Corte costituzionale slovena si è rivolta alla Corte di Giustizia Ue, chiedendo indicazioni sulla validità e l’interpretazione delle disposizioni contenute nella comunicazione della Commissione Ue sul settore bancario, applicata dal primo agosto 2013. La causa di fatto riguarda le misure di «bail-in» che subordinano la possibilità di concedere aiuti di Stato al settore bancario all’obbligo di cancellazione del capitale, del capitale ibrido e degli strumenti di debito subordinato (insomma, l’azzeramento di titoli e obbligazioni).

 
L'immigrazione è una risorsa PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 11 Luglio 2016 00:44


Le etnie s'incontrano e si relazionano tra loro

Leggi tutto...
 
Primavere arabe in vista? PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 08 Luglio 2016 00:13


Il crollo dei cereali che allora funse da detonatore ora riguarda anche noi

Leggi tutto...
 
Intanto speculano sulle materie prime PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 08 Luglio 2016 00:10


Gli affari della Brexit

Leggi tutto...
 
Capitale umano PDF Stampa E-mail
Scritto da romatoday.it   
Giovedì 07 Luglio 2016 00:33


Del migrante povero non si butta niente

Leggi tutto...
 
Brexit rischia di essere Turkentrit PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Martedì 05 Luglio 2016 00:37


Come sospettavamo qualche giorno fa

Leggi tutto...
 
Tifavate per Draghi e la sua immissione di liquidità? PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Gruppo (thule-italia.org)   
Martedì 05 Luglio 2016 00:33


Guardate, coglioni, quel che ci costerà

Leggi tutto...
 
UExit è roba per arruffaslogan PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 04 Luglio 2016 01:05


Può implodere solo dall'alto per volontà più perverse di quelle che la tengono in piedi

Leggi tutto...
 
Anche Londra subisce la Brexit PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Lunedì 04 Luglio 2016 00:31


Ma la Finanza aveva previsto un periodo iniziale come questo

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.