Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Che c'entriamo noi con la Rivoluzione? PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Venerdì 28 Ottobre 2022 02:08


Un Centenario da non guastare

Un secolo esatto dalla Marcia che avrebbe riportato l'Italia al suo posto nel mondo, che avrebbe restituito Roma alla sua missione civilizzatrice e alla sua universalità.
Cento anni dalla vittoria sulle miserie, sulle falsità, sugli odi, sulle meschinità, sugli interessi egoistici, sulle viltà.
Un evento storico che fu fondatore di una  nuova era, antica e modernissima, di cui, pur di non mettere  in discussione la propria mediocrità, si cerca di perdere il ricordo, anzi di sporcare la memoria. Bisogna fingere che non sia stato possibile un simile connubio di grandezza e di amore.
Silenzio o disprezzo per non guardarsi nello specchio e per non vergognarsi nel confronto:  di questo si tratta ed è questo che spiega tanto sciocco livore.

Nella percezione degli italiani, malgrado tutte le pregiudiziali e le scomuniche dei farisei, la rimembranza resta tutto sommato positiva; una simpatia inconfessata, con tutte le giustificazioni individuali possibili e immaginabili, ma c'è.

Ci sono poi decine di migliaia di persone che non cercano giustificazioni per ammettere quel sentimento e per esternarlo.
Attenzione: se costoro oggi gonfieranno il petto e penseranno “siamo ancora qui” faranno magari tenerezza, ma sbaglieranno.
Probabilmente messuno di noi sarebbe stato chiamato neppure a portare da bere a quegli uomini in marcia. Già per noi sarebbe un miracolo riuscire a coglierne la tempra e lo spirito, per ammirarli, per prendervi spunto per una rinascenza, fosse anche soltanto personale. Ma niente di più.
Chi si sente erede o discendente di quegli uomini è un mitomane. A costoro possiamo solo chiedere che non siano troppo ridicoli nelle loro celebrazioni.
Si abbiano il pudore, l'umiltà, la serietà e la dignità di un rispetto profondo e di una sobria solennità ma non ci si innalzi dalle proprie mediocrità usando le loro immagini per nobilitarci.
Essi non meritano il nostro circo!

Rose rosse per le camicie nere.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.