Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Arbitro sei Fascista!! PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 04 Ottobre 2004 01:00

Questa l'accusa lanciata dal giocatore del Livorno Cristiano Lucarelli. A suo dire le ex "giacchette nere" complotterebbero contro il Livorno per rispedirlo in B, per punire i tifosi che in curva espongono il faccione del Che. ....trama nera, trama nera, sol con te si fa carriera (e si elemosinano i 3 punti)...

GENOVA - "Abbiamo subito cinque torti nel corso della stagione. Non si parla più di calcio ma di politica. Lo scorso anno c'erano in A quattro tifoserie di sinistra e sono retrocesse, quest'anno c'è solo il Livorno e non avranno difficoltà a decidere chi scende". Cristiano Lucarelli, centravanti e idolo della curva del Livorno va giù duro, durissimo come è nel suo carattere.

Dopo la sconfitta degli amaranto a Marassi contro la Sampdoria, l'ex attaccante del Torino lancia un atto d'accusa pesantissimo contro il calcio professionistico.

Immediata la replica del presidente della Lega Calcio Adriano Galliani: "E' un fatto molto grave, è la prima volta che viene fuori un discorso di natura politica sugli errori degli arbitri". Poi: "Penso che i giocatori alla fine siano nervosi e non dovrebbero parlare e io preferisco non commentare altrimenti sarei durissimo e poi mi accuserebbero per un terzo confltitto di interesse. Sono le dichiarazioni più gravi da quando sono nel mondo del calcio, spero finisca qui e che Lucarelli si scusi di questa cosa".

L'episodio che probabilmente è all'origine delle dichiarazioni di Lucarelli è una decisione arbitrale in particolare: un calcio di rigore non concesso allo stesso attaccante. Un episodio che però si inserisce in un contesto molto particolare, quello che circonda la squadra toscana e soprattutto la sua curva, più che orgogliosa di esibire la sua coloritura politica assolutamente di sinistra. Lo stesso Lucarelli non ha mai nascosto di pensarla allo stesso modo in interviste, dichiarazioni, un libro uscito da poco e soprattutto con un gesto che lo rese famoso: l'esibizione di una maglietta con Che Guevara dopo un gol.

Dice ancora il centravanti: "L'anno scorso le quattro squadre i cui tifosi esibivano l'immagine di Che Guevara nelle curve sono retrocesse in serie B: adesso questa sorte potrebbe toccare a noi. Stiamo fronteggiando cose più grandi di noi. Sta accadendo quello che temevamo dopo la promozione: con noi gli arbitri non vedono. Dopo Empoli, Perugia, Modena e Ancona, quest' anno sarà probabilmente la volta del Livorno a tornare in serie B per questioni politiche".
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.