Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un popolo di navigatori e di eroi PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Giovedì 16 Dicembre 2021 00:43


Gli italiani si fermano per paura di omicron

Saranno oltre 14 milioni gli italiani in viaggio per le festività (-19,9% sul 2019) secondo una ricerca di Federalberghi presentata a Roma alla presenza del ministro Massimo Garavaglia. In particolare più di 10 milioni si muoveranno proprio nei giorni di Natale (il 94,6% resterà entro i confini) mentre diminuiscono del 48,2% le partenze per Capodanno: il 97,0% (più di 4 milioni di persone) rimarrà in Italia.
La situazione a Natale - Tra chi rimarrà all'interno dei confini nazionali, il 68,9% non uscirà dalla propria regione di residenza. La classifica delle destinazioni italiane preferite vede in testa la montagna (25,9%), città diverse da quella di residenza (25,4%), dalle città d'arte (20%) e dal mare (14%). Per l'alloggio si darà priorità alla casa di parenti e amici (41,8%) mentre il 26,1% sceglierà l'albergo.
E a Capodanno? - L'Italia sarà la meta preferita: resta nel Belpaese il 97% degli italiani, di cui il 73,8% rimarrà nella propria regione di residenza, solo il 3% andrà all'estero. Chi resta andrà in un'altra città diversa dalla propria (44,1%), in montagna (23,1%) e località d'arte (17,4%). L'alloggio preferito rimane la casa di parenti e amici (36,3%) seguito dagli alberghi (27,3%). Si passeranno in media 3,6 notti fuori casa.
L'indagine di Coldiretti - L'annuncio di nuove restrizioni in molti Paesi per effetto della variante Omicron spinge a dire addio alle grandi capitali europee e alle destinazioni più lontane. Secondo un'ulteriore indagine di Coldiretti sui dati di Federalberghi,  a far la parte del leone delle ferie a km zero sono soprattutto i piccoli borghi. Questi consentono di coniugare la voglia di tranquillità con la possibilità di godere di spazi di libertà più ampi lontano dalle città o dai luoghi turistici più affollati. Un altro fattore è anche per la ricerca del buon cibo con il 16% dei vacanzieri che partecipa ad eventi gastronomici che aiutano a salvare una parte consistente del patrimonio agroalimentare Made in Italy.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.