Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Con la milf non è reato PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Martedì 13 Settembre 2022 00:02


Se lo stupratore non è capace d'intendere e volere

Fu arrestato nel luglio 2014 con l'accusa di abusi sessuali ai danni delle madri dei suoi piccoli pazienti, ma ora è stato assolto perché ritenuto incapace di volere e parzialmente capace di intendere al momento dei fatti. Come certificato da una perizia, ad alterare gli impulsi del medico era l'assunzione di un farmaco per la cura del Parkinson. Per il tribunale di Chieti, l'uomo non è dunque imputabile.
L'assoluzione - A riportare la sentenza è Il Secolo XIX. Nel luglio 2014, l'ex primario del reparto di Neonatologia del Policlinico di Chieti era stato arrestato e posto ai domiciliari con l'accusa di violenza sessuale sulle madri dei suoi piccoli pazienti. Una perizia disposta dal collegio giudicante ha però accertato che gli impulsi del medico erano determinati dall'assunzione del farmaco contro il Parkinson.
"Non è socialmente pericoloso" - Il medico, che nel frattempo è andato in pensione, non è ritenuto socialmente pericoloso perché, spiega Il Secolo XIX, quando il farmaco gli è stato tolto "non ha più avuto il discontrollo degli impulsi sessuali". Nel processo erano rimaste solo due delle nove parti civili costituite.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.