Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Da noi paga sempre il turismo PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Martedì 29 Marzo 2022 00:12


Anche la guerra dei russi

"Il turismo russo in Italia pesa circa l'1% come presenze e circa il 2% come fatturato quindi ha un suo peso, quest'anno rinunceremo al turismo dei russi, l'importante è non perdere tutto il resto". Con queste parole è intervenuto a "Mattino Cinque News" il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia per commentare le conseguenze e le ricadute della Guerra in Ucraina sull'Italia.
"Stiamo lavorando molto concretamente - ha aggiunto il Ministro Garavaglia - gli incontri che abbiamo fatto a Bruxelles ieri e oggi vanno proprio in questa direzione, trovare soluzioni concrete per recuperare tutto il resto e consentire ai nostri cittadini di viaggiare e fare turismo serenamente, agli stranieri di venire serenamente in Italia e agli operatori di poter lavorare e fare fatturato".

"Un sondaggio fatto in America dice che il 47% degli americani sostanzialmente deve decidere se venire o no in Europa - ha spiegato il Ministro - l'importante è dare una percezione di sicurezza altrimenti c'è il rischio di perdere una buona fetta del mercato americano e questo fa molto male alla nostra industria, motivo in più perché questa terribile guerra finisca molto velocemente".
"Dietro l'industria del turismo - ha inoltre aggiunto il Ministro - ci sono famiglie che lavorano, ci sono lavoratori, ci sono imprese che rischiano di chiudere, è fondamentale che l'industria riparta molto velocemente e che ognuno faccia la propria parte".
Il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha poi parlato delle conseguenze delle sanzioni agli oligarchi russi e al sequestro di beni spiegando che: "Le sanzioni sono la risposta che dobbiamo porci come sistema occidentale, come sistema Paese, dopo di che l'importante è che non facciamo altri danni, ci ricordiamo benissimo quanto è costato all'Italia la scelta stupida di tassare le barche, quella famosa tassa del 2012 che ci ha fatto perdere un sacco di clienti, quindi iniziamo a non fare gli errori nostri, le sanzioni poi sono legate ad un fatto contingente che ci auguriamo finisca presto che è le guerra".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.