Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Stavolta Teheran non l'ha in tasca PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Giovedì 24 Novembre 2022 00:34


Più coriacea del solito la rivolta contro le imposizioni teocratiche

In Iran, le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 378 persone, tra cui 47 minori, nella repressione delle proteste scatenate dalla morte di Mahsa Amini, la 22enne curdo-iraniana deceduta dopo il suo arresto per non aver indossato correttamente il velo. Lo annuncia il direttore della Ong con sede in Norvegia, Iran Human Rights, Mahmood Amiry-Moghaddam. Rispetto al precedente bilancio reso noto mercoledì si sono registrati altri 36 morti.
hr riferisce di almeno 123 persone uccise nella provincia del Sistan-Baluchistan, al confine col Pakistan, 40 nelle province del Kurdistan e Teheran e 39 nell'Azerbaigian occidentale.
Secondo l'Ong "mentre cresce il numero delle vittime delle proteste, le autorità della Repubblica islamica rifiutano di accettare la responsabilità e attribuiscono i morti a gruppi stranieri e terroristici". Intanto, immagini diffuse in rete mostrano le forze di sicurezza che sparano agli studenti dell'università del Kurdistan, nell'ovest dell'Iran, che avevano dato alle fiamme un manifesto con l'immagine dell'ex comandante dei pasdaran, Qassem Soleimani.
Dal decesso di Mahsa, nel Paese islamico si sono scatenate numerose e incessanti proteste contro le autorità. La popolazione è convinta che la giovane sia stata uccisa per come indossava il velo, da cui si intravedevano ciocche di capelli. Secondo il rapporto medico seguito all'autopsia effettuata in Iran, a Teheran, il decesso della 22enne non è però stato causato dalle percosse, ma da una malattia. Nella nota è stato, infatti, messo in evidenza che all'età di 8 anni Mahsa era stata operata per un tumore al cervello e che ancora da grande avesse un "disturbo importante" dell'asse ipotalamo-ipofisario, una malattia per la quale era stata trattata con idrocortisone, levotiroxina e desmopressina.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.