Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ora Mosca è inquieta PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Giovedì 05 Gennaio 2023 00:26


I russi iniziano a temere che le sanzioni facciano male

L’ultima serie di sanzioni occidentali contro la Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina sta iniziando a mordere l’economia del Paese. Il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov ha dichiarato ai giornalisti che il tetto al prezzo del petrolio imposto dalle principali economie del G-7, oltre che dall’Unione Europea e dall’Australia, sta comprimendo i proventi delle esportazioni russe e potenzialmente spingerà il deficit di bilancio di Mosca oltre il 2% previsto per il prossimo anno.
I limiti di prezzo sulle esportazioni russe di greggio e petrolio raffinato potrebbero costringere il Cremlino a tagliare la produzione tra il 5% e il 7% l’anno prossimo, come ha dichiarato venerdì l’agenzia di stampa RIA, citando il vice primo ministro Alexander Novak. Tuttavia, Mosca dovrebbe essere in grado di finanziare il deficit attraverso l’emissione di obbligazioni nazionali e il suo fondo per i giorni di pioggia, hanno suggerito i funzionari come riporta l’emittente Cnbc.
Petrolio: è ancora presto per valutare l’impatto del price cap
A giugno i 27 Paesi dell’UE hanno deciso di vietare l’acquisto di greggio russo a partire dal 5 dicembre.
“È ancora troppo presto per valutare appieno l’impatto del tetto al prezzo del petrolio imposto dal G7 e del divieto di importazione del greggio russo imposto dall’UE ed entrato in vigore il 5 dicembre, ma i primi segnali indicano che l’economia russa sta iniziando a risentirne”, ha dichiarato Nicholas Farr, economista per l’Europa emergente di Capital Economics.
“I dati ad alta frequenza mostrano che le esportazioni di petrolio russo sono diminuite da quando sono state introdotte le sanzioni e lo spread tra i prezzi del greggio Brent e quelli del petrolio degli Urali si è allargato fino a raggiungere un massimo di sei mesi [la scorsa] settimana”.
Farr ha suggerito che questo aggraverà il colpo subito dalle entrate energetiche russe a causa del calo dei prezzi globali negli ultimi mesi. Il Brent di riferimento internazionale è sceso da un picco di circa 98 dollari al barile in ottobre a circa 77 dollari all’inizio del mese, per poi risalire a circa 84,50 dollari al barile martedì mattina in Europa.

Nel frattempo, il rublo russo è sceso di quasi il 10% rispetto al dollaro la scorsa settimana, diventando di gran lunga la valuta EM con la peggiore performance dopo aver sfidato le aspettative per gran parte dell’anno.
Farr ha suggerito che una delle principali conseguenze dell’indebolimento del rublo sarà la pressione al rialzo sull’inflazione dovuta all’aumento dei costi delle importazioni. La Banca di Russia (CBR) ha terminato la sua serie di tagli ai tassi d’interesse in ottobre e, dopo aver mantenuto invariata la sua politica monetaria in dicembre, ha avvertito che i rischi inflazionistici “prevalgono” su quelli disinflazionistici.
Se il rublo continuerà a scendere nel 2023, Farr ha suggerito che la CBR potrebbe essere costretta a considerare la reintroduzione dei rialzi dei tassi per tenere sotto controllo l’inflazione, e Capital Economics ritiene che l’erosione della resistenza russa alle sanzioni occidentali emergerà come un tema chiave del 2023.
“La Russia ha beneficiato in modo significativo della spinta alle sue ragioni di scambio derivante dagli alti prezzi delle materie prime nel 2022, ma… questo sostegno all’economia sembra ora svanire”, ha dichiarato Farr in una nota.
“Riteniamo che l’economia russa subirà un’altra contrazione nel 2023. Nel frattempo, il calo dei ricavi energetici metterà a dura prova i bilanci della Russia”.
Dopo essere stato un pilastro fondamentale per l’economia russa quest’anno, Capital Economics prevede che il surplus delle partite correnti “si ridurrà rapidamente nei prossimi mesi”.
“C’è un alto rischio che sia necessario un ampio riequilibrio esterno a partire dal 2024, che manterrà la crescita estremamente lenta”, ha concluso Farr.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.