Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Energia regolata PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Mercoledì 26 Ottobre 2022 00:10


La Ue prova a classificare il mining di criptovalure

L’Unione Europea sta lavorando a una classificazione di efficienza energetica per il mining di criptovalute, nel tentativo di frenare i crescenti consumi di elettricità del settore. La Commissione europea lavorerà con partner internazionali per elaborare una misura di classificazione che incoraggerà sistemi più rispettosi dell’ambiente. L’Ue inviterà inoltre i paesi a prendere di mira il consumo di energia dei miner quest’inverno, nel tentativo di affrontare la stagione con meno gas russo.
“Proprio come il loro utilizzo (delle criptovalute, ndr) è cresciuto in modo significativo, così è cresciuto anche il consumo di energia”, ha affermato il braccio esecutivo dell’Ue nella bozza del piano d’azione. “Per sfruttare l’uso di criptovalute e altre tecnologie blockchain nei mercati energetici e nel trading, è necessario prestare attenzione a utilizzare solo le versioni più efficienti dal punto di vista energetico della tecnologia”.
Sebbene l’Ue rappresenti solo il 10% circa del mining di criptovalute proof-of-work, un’azione di tutti i suoi paesi avrebbe un grande impatto sul settore, anche a livello globale.
In confronto, il meccanismo proof-of-stake, che ora è utilizzato da Ethereum, può utilizzare oltre il 90% in meno di energia rispetto al proof-of-work. L’idea è che un sistema di etichettatura potrebbe incoraggiare altre criptovalute a effettuare il passaggio.
Il blocco produrrà anche un rapporto che valuterà l’impatto climatico del settore entro il 2025, esortando gli Stati membri a porre fine alle agevolazioni fiscali per i cripto-miner, secondo il documento. In caso di carenza di elettricità, i paesi devono anche essere pronti a interrompere le attività di mining.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.