Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La coperta: o copre le spalle o copre i piedi PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Venerdì 13 Gennaio 2023 00:10


Pseudocontabili svalutazionisti, ciclosilatori e venditori di filtri sovranisti, si astengano!

Mentre la Bce prosegue sul sentiero del rialzo dei tassi, si accende un allarme rosso sul debito publico italiano. Da un sondaggio condotto dal “Financial Times” tra un gruppo di economisti, è emerso che nove intervistati su dieci hanno indicato l’Italia come il Paese dell’Eurozona che si ritroverà più esposto a una crisi del debito quando nei prossimi mesi la Banca Centrale Europea continuerà a rivedere al rialzo il costo del denaro e acquisterà meno obbligazioni. Roma – secondo il sondaggio  – è il Paese del gruppo euro “più a rischio di un sell-off non correlato nei suoi mercati dei titoli di Stato”.
Considerazioni simili sono arrivate da Maurizio Mazziero, fondatore di Mazziero Research che, in una recente intervista rilasciata a “Wall Street Italia”, ha messo in evidenza:
“Sinora gli investitori erano confortati dal fatto che ci fosse dietro comunque una Bce che continuava ad acquistare i titoli di stato. Il fatto che la Bce a un certo punto riduca questi acquisti o li fermi del tutto, farà mancare una fonte importante di domanda”.

Notizie positive arrivano sul fronte del deficit che, secondo il quotidiano britannio, dovrebbe scendere dal 5,6% del Pil nel 2022 al 4,5% nel 2023 e al 3% l’anno successivo. Tuttavia, sottolinea il quotidiano londinese, il debito pubblico italiano rimane uno dei più alti in Europa, a poco più del 145% del prodotto interno lordo, e la scorsa settimana il rendimento del bond decennale ha superato il 4,6%, quasi il quadruplo del livello di un anno fa e 2,1 punti percentuali sopra il rendimento equivalente dei titoli tedeschi.
Bce verso nuovi rialzi dei tassi
Tutto questo mentre la Bce prevede di procedere con aumenti di mezzo punto percentuale nei primi mesi di quest’anno. A questo proposito, Klaas Knot, governatore della Banca centrale olandese e uno dei falchi del consiglio direttivo, ha spiegato al quotidiano inglese che è appena iniziata la “seconda meta'” del ciclo di rialzi dei tassi. Tuttavia, gli analisti ritengono che la Bce stia sopravvalutando i rischi collegati all’inflazione e sottovalutando la prospettiva di una recessione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.