Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'Italia che può crollare PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Mercoledì 18 Agosto 2021 00:28


Quella che produce di nascosto e che non ha diritto a ristori

Sono circa 3,3 milioni le persone che in Italia esercitano un'attività lavorativa irregolare, secondo un'elaborazione dell'ufficio studi della Cgia di Mestre. Un italiano su otto, che toglierebbe dalle casse dello Stato un introito di circa 77,8 miliardi di euro. I settori maggiormente interessati dal fenomeno sono quello dell'agricoltura, dell'edilizia e delle attività artigianali, con livelli diversificati su base regionale.
Lombardia la Regione più virtuosa - La Lombardia è il territorio meno interessato dal fenomeno: nonostante gli oltre 504 mila lavoratori occupati irregolarmente, il tasso è pari al 10,4%, mentre l'incidenza del valore aggiunto prodotto dal lavoro nero sul totale regionale è del 3,6%, il più basso presente nel Paese.
In Calabria uno su cinque è irregolare - Situazione opposta in Calabria, che con un tasso di irregolarità del 22% risulta come la Regione italiana più colpita. I ricavi prodotti dal lavoro nero, che coinvolge più di un lavoratore su cinque, ammontano quasi al 10% del totale del valore prodotto.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.