Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cioccolatini amari PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 23 Novembre 2022 00:24


Record nei rincari

Perugia si classifica al primo posto in Italia per i rincari di luce e gas, seguita da Terni e Teramo.
Mentre per il cibo guidano la classifica degli aumenti più consistente Macerata e Cosenza seguite da Catania e Ravenna.
E' quanto emerge dallo studio condotto dall'Unione nazionale consumatori, che stila la classifica completa delle città con i maggiori rincari annui per quanto riguarda 2 voci del paniere, cibo e bevande, luce e gas, elaborando i dati Istat resi noti in settimana e relativi al mese di ottobre.
Per energia elettrica, gas e altri combustibili, voce che include gas, luce (mercato libero e tutelato), gasolio per riscaldamento e combustibili solidi, se in Italia il rialzo in ottobre è stato pari al 135%, con una stangata a famiglia pari in media a 1.820 euro in più su base annua, in alcune città delle 80 monitorate si è superato addirittura il 160%, evidenzia l'Unione consumatori.

A vincere questa spiacevole classifica dei cittadini più bastonati è Perugia, dove le spese per luce e gas volano del 163,8% su ottobre 2021, medaglia d'argento a Terni, +160,7%. Sul gradino più basso del podio Teramo (+152,2%). Le città meno tartassate sono Potenza (+96,1%), Aosta (+98,3%) e Napoli (+108,3%). Per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche, saliti in Italia del 13,5%, equivalenti ad una scoppola pari in media a 761 euro in più su base annua, batosta che sale a 1038 euro per una coppia con 2 figli, 937 euro per una coppia con 1 figlio, 1240 euro per una coppia con 3 figli, in molte città è andata ben peggio rispetto alla media nazionale.
A guidare la classifica dei rincari è Cosenza, raggiunta da Macerata, che la eguaglia con un'inflazione del 16,9%. "Cifre che dimostrano come il taglio teorico dell'Iva per pane, pasta e latte, pari ad appena a 21 euro e 56 cent all'anno a famiglia sia una burla, per non dire una pagliacciata. Senza contare che questa mancetta non andrebbe a vantaggio delle famiglie ma dei commercianti", afferma il presidente dell'Unc Massimiliano Dona.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.