La Germania ripartì Stampa
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Domenica 23 Maggio 2021 00:46


E c'è ancora chi non si toglie il cappello davanti a questo popolo


Il 23 maggio 1949 venne riconosciuta la Repubblica Federale Tedesca. Sono passati quattro anni dall'occupazione del suolo tedesco, dal suo smembramento, dagli eccidi subiti e dalle imposizioni militari ed economiche che sembrano cancellarl dalla cartina, così come voleva il ministro roosveltiano Morgenthau.
Una Germania che sembrava balbettante ripartì con umiltà e tenacia. Cinque anni più tardi la vittoria al Mondiale di Svizzera avrebbe dato un segnale importantissimo.
La Germania non si sarebbe fermata più, malgrado sia avvelenata all'interno, con i sensi di colpa e con la corrosione psicologica e morale prodotta dalla Scuola di Francoforte (coproduzione Cia-Stasi-Mossad). Malgrado la Cancelleria sia per un certo tempo appannaggio di quinte colonne nemiche, malgrado il terrorismo.
La strada trascorsa da allora ad oggi rende perfettamente l'idea delle virtù tedesche.
Chi ancora oggi osa sparlare della Germania o mettercisi di traverso, oltre ad essere un nano invidioso, dovrebbe almeno vergognarsi visto che non avrà mai il coraggio di commettere suicidio.