Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'Imperatore sgominò i guelfi PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Sabato 29 Maggio 2021 00:39


Non lontano da Roma

Il 29 maggio 1167  divampò la battaglia di Prataporci presso una piana fuori le mura della città di Tuscolo, nei pressi dell'attuale cittadina di Monte Porzio Catone, tra le truppe germaniche di Federico I Barbarossa, appoggiate dalla città di Tuscolo, e le truppe pontificie di Roma.
L'esercito guelfo, comandato da Oddo Frangipane, rifiutò i tentativi diplomatici e attaccò. Era il giorno di Pentecoste. L'esercito imperiale era molto inferiore come forzei, ma la cavalleria di Colonia resistette all'assalto della fanteria guelfa.
Nel frattempo da Tuscolo uscivano i soldati di Rainaldo e Rainone, circa 300 cavalieri, che attaccarono alle spalle e divisero in due tronconi l'esercito pontificio. A questo punto intervenne un gruppo lasciato di riserva che colpì pesantemente il fianco dei romani provocando scompiglio. La cavalleria pontificia ruppe le file e fuggì, fu il tracollo. Furono uccisi quasi tutti quelli che erano rimasti intrappolati nel campo di battaglia, mentre quelli in fuga furono rincorsi dalla cavalleria teutonica, raggiunti e massacrati. ì
Quelli che furono in grado di rientrare a Roma chiesero aiuto alle città vicine, temendo un assedio. Ma questo non si verificò. Sembra che ci fossero stati 10.000 tra morti e prigionieri.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.