Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ventuno anni che crollano le torri PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Domenica 11 Settembre 2022 00:37


La linea stilata da Cheney sta rimodellando il mondo da allora

 

11 settembre 2001: dopo le Due Torri tutto cambiò. Come ebbe a dire il presidente americano Bush jr "Da oggi nulla sarà più come prima" e così fu.
Ma tutto il processo di ricostruzione del Nuovo Ordine Mondiale era stato elaborato poco prima della nuova presidenza da colui che sarebbe divenuto il vicepresidente di Bush, Dick Cheney. Nel suo Rapporto veniva indicata la strategia mondiale - con tanto di guerre - che doveva portare gli Usa a trasformarsi da consumatori energetici in produttori energetici, rendendo competitive le loro costose estrazioni.
Questo processo si è mosso ininterrottamente per ventuno anni - e prosegue felicemente - a spese generali.
Il resto del mondo, compresa la Cina rampante, si è mosso in reazione a questo processo, per adattarvisi o per sottrarvisi parzialmente. Dalla sua - per ora - Pechino ha il dominio delle terre rare nella trasformazione energetica.

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Settembre 2022 09:41
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.