Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Parola d'ordine: scioccare PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Sabato 25 Settembre 2004 01:00

Con le immagini delle decapitazioni pubblicate sui giornali si vuole creare un forte pathos nel pubblico. Di fronte a quelle scene crude il lettore non può che disgustarsi e che identificare la resistenza irachena con quelle bestialità. Eppure tali atti avvantaggiano i nemici del popolo iracheno. Ci sorprenderemmo nello scoprire chi c'è dietro a queste barbarie. Siamo anche sicuri che i giornali si guarderanno bene dal pubblicare le foto dei bambini iracheni con le braccia mutilate dalle bombe "intelligenti" americane

ROMA, 25 SET - Si infuoca la polemica sulle foto delle decapitazioni in Iraq, pubblicate dal 'Foglio'. Politici divisi tra favorevoli e contrari. La 'macabra pubblicazione', per Italia dei Valori, 'contribuisce ad amplificare la campagna di terrore voluta dal terrorismo', dice il responsabile del partito, Felice Belisario. 'Scelta coraggiosa', per il ministro Gasparri. Marco Rizzo (Pdci): operazione di 'cattivo gusto' che 'non aiuta ne' le italiane rapite ne' il tentativo di portare la pace'.
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.