Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Porgete l'altra guancia! PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 27 Ottobre 2004 01:00

Il segretario della difesa americana rivela che l'America non pensava potessero esserci ribellioni in Iraq. Si attenedevano il consenso unanime da parte del popolo che stanno massacrando.

WASHINGTON, 27 OTT - Gli Stati Uniti non avevano preparato piani specifici per fronteggiare una eventuale ribellione di vaste proporzioni in Iraq. Lo ha ammesso il segretario alla Difesa, Donald Rumsfeld:, proprio mentre Kerry continua ad accusare il governo di non aver previsto la possibilita' di una guerriglia in Iraq. 'I piani del dopoguerra dovevano impedire una grave crisi umanitaria e la distruzione dei pozzi di petrolio, tutti risultati raggiunti', ha precisato Rumsfeld.
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.