Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tuo figlio annega ma non sui social PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Giovedì 19 Agosto 2021 00:28


I bagnini contro i genitori che chattano in spiaggia incuranti dei pericoli dei bambini

"Mamma e papà chattano in spiaggia mentre i figli rischiano di annegare: se li richiamiamo al loro dovere si arrabbiano". E' l'allarme lanciato al Resto del Carlino dai bagnini di Rimini, preoccupati per via di vari incidenti accaduti nelle ultime settimane, in cui almeno quattro bambini sono stati salvati dopo essere stati trascinati al largo dalla corrente. Gli operatori del salvataggio tornano dunque a chiedere il riconoscimento dello status di pubblici ufficiali, con il quale avrebbero anche la facoltà di multare chi sgarra.
"Purtroppo è una situazione che si ripresenta ciclicamente ogni estate. Mamme e papà stanno sul lettino, chiacchierano con gli amici, giocano con l’iPhone, e non si accorgono che il figlio è a un passo dall'annegare. Addirittura, quando glieli riportiamo e li rimproveriamo per la loro negligenza, ci rispondono con tono scocciato, come se li avessimo disturbati per una cosa da poco", spiega al quotidiano Stefano Simoni, portavoce dell’Associazione Marinai di Salvataggio di Rimini.
In merito allo status di pubblici ufficiali, Simoni dice: "Ci consentirebbe di avere quel riconoscimento sociale e quindi maggiore autorevolezza nel richiamare le persone che non rispettano le regole della spiaggia e non si comportano in maniera corretta".
Inoltre - aggiunge -, "in qualità di pubblici ufficiali, avremmo teoricamente la facoltà di multare chi sgarra. Ovviamente l’intento non dovrebbe essere quello di fare cassa, ma di poter contare su un deterrente in più per garantire l’incolumità di tutti coloro che frequentano l’arenile. Ricordiamo, infatti, che l’abbandono di minori è punito dall’articolo 591 del codice penale. Le sanzioni, usate in maniera non repressiva, potrebbero rivelarsi uno strumento utile a diffondere maggiore consapevolezza tra quei genitori che peccano di negligenza. Ripeto, comunque, che questa sarebbe comunque l’ultima spiaggia, che verrebbe dopo sollecitazioni e richiami. Con il Comune abbiamo avviato un ragionamento per aprire a questa possibilità".


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.