I cordoni si stringono Stampa
Scritto da wallstreetitalia.com   
Mercoledì 15 Settembre 2021 00:11


Serrate sulle pensioni

Pensione di reversibilità verso un taglio? Difficile dirlo al momento, ma l’assegno a favore dei superstiti, è finito nel mirino dell‘OCSE, insieme all’intero sistema pensionistico italiano nel suo recente report “Economic Survey” dedicato all’economia italiana.
L’organizzazione di Parigi suggerisce in particolare di contenere i costi delle “pensioni di reversibilità permanenti, che attualmente si muovono intorno al 2,4% del Pil, ben sopra la media dell’Ocse (1%).  Come? Prima di tutto escludendo questa misura “alle fasce fortemente al di sotto dell’età pensionabile”.
Per l’anno prossimo, quindi, nell’ambito della riorganizzazione necessaria del sistema pensionistico per Ocse occorrerebbe già dal 2022 agire in un’ottica di riduzione delle spese per le pensioni di reversibilità. Ciò detto, al momento non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali da parte degli esponenti del governo. Resta dunque da vedere se, all’interno della riforma delle pensioni, l’esecutivo deciderà di fare propri i consigli dell’Ocse.