Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dolci metà PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Martedì 04 Gennaio 2022 00:24


Vai con tua moglie? Chiama un avvocato!


Obbligare la moglie a farsi baciare configura il reato di violenza sessuale. Lo sostiene la Cassazione in una sentenza che conferma la condanna in appello nei confronti di P.S.M. pronunciata dalla Corte d’Appello di Messina. Nelle recenti motivazioni, rese note dallo Studio Cataldi, gli ‘ermellini’ spiegano che ”è evidente” la consumazione di questo reato in quanto “l’imputato ha stretto il viso della vittima bloccandola per imporle il bacio sulla bocca e, contemporaneamente, e, nonostante la resistenza oppostagli, le ha impedito di sfuggire alla sua presa” anche se a conoscenza delle intenzioni della donna di porre fine al rapporto e di trasferirsi lontano da lui.
Secondo il ricorrente, non ci sarebbe stata “una vera e propria violenza fisica e verbale” ma la Cassazione ricorda che, sulla base di una consolidata giurisprudenza, “non occorre che la violenza sia di forma o veemenza particolare o, men che meno, brutale e aggressiva, potendo manifestarsi anche come sopraffazione funzionale e limitata alla pretesa dell’assalto”. In questo caso, è “irrilevante il fine del bacio che era, stado al ricorrente, un “tentativo di riconciliazione con la vittima” perchè a pesare è solo “l’indubbia volontà di compiere un atto invasivo e lesivo della libertà sessuale della vittima non consenziente”.
E i giudici sottolineano anche il contesto di violenza in cui è maturato questo ‘bacio rubato’ da parte dell’imputato a cui è stata confermata la condanna a due anni di carcere per sequestro di persona, lesioni aggravate e maltrattamenti oltre che per l’episodio del bacio.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.