Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Siamo fantastici! PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Venerdì 04 Febbraio 2022 00:16


Meno lavoro e più morti sul lavoro

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all'Inail tra gennaio e dicembre 2021 sono state 555.236 (+0,2% rispetto allo stesso periodo del 2020), 1.221 delle quali con esito mortale (-3,9%). In aumento le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 55.288 (+22,8%). Lo fa sapere l'Istituto pubblicando gli open data e rimarcando che i dati sono ancora fortemente influenzati dall'emergenza Covid.
Denunce in aumento - Il numero delle denunce complessive di infortuni, in lieve aumento (+896), deriva dalla diminuzione nel trimestre gennaio-marzo (-11%), dall'aumento tra aprile e settembre (+21%) e dal nuovo calo a ottobre-dicembre (-16%).
Crescono gli infortuni in itinere - I dati rilevati al 31 dicembre di ciascun anno evidenziano, a livello nazionale, un aumento degli infortuni in itinere, avvenuti cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l'abitazione e il posto di lavoro (+29,2%, da 62.217 a 80.389 casi): diminuiti del 32% nel primo bimestre 2021, sono aumentati del 50% nel periodo marzo-dicembre, complice il massiccio ricorso allo smart working nel 2020, proprio a partire da marzo. Si rileva invece un decremento del 3,5% (da 492.123 a 474.847) degli infortuni avvenuti in occasione del lavoro, calati dell'11% nel primo trimestre 2021, aumentati del 18% nel semestre aprile-settembre e calati di nuovo nel trimestre ottobre-dicembre (-22%).
Meno denunce solo nel nord-ovest - Sul fronte territoriale, si nota una diminuzione delle denunce solo nel nord-ovest (-9,2%), al contrario del nord-est (+6,4%), del centro (+5,2%), delle Isole (+4,8%) e del sud (+0,1%). Tra le Regioni si registrano decrementi in tutte quelle del nord-ovest, a cui si aggiungono la Provincia autonoma di Trento, la Campania e la Puglia, mentre gli aumenti più consistenti sono in Molise, Umbria e Calabria.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.