Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Piccoli batteri crescono PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Venerdì 01 Luglio 2022 00:46


Mostri

Tra le paludi di mangrovie ai Caraibi, nell'arcipelago di Guadalupa, è stato scoperto un batterio gigante visibile a occhio nudo, il Thiomargarita magnifica. È lungo circa un centimetro ed è 5.000 volte più grande della maggior parte dei batteri.
Una struttura interna molto complessa - Il batterio, Thiomargarita magnifica, è costituito da un’unica grande cellula filamentosa, talmente lunga da poter essere osservata a occhio nudo. Il suo materiale genetico non si trova libero all’interno di un'unica cellula, com’è tipico dei batteri, ma è racchiuso all’interno di più strutture, composte da diverse membrane. Si tratta di caratteristiche interne decisamente più complesse che non erano mai state registrate prima in nessun altro batterio. Secondo gli autori dello studio, proprio l'insieme di queste proprietà potrebbe aver permesso al batterio di raggiungere le sue dimensioni fuori dal comune.

La scoperta - Pubblicata sulla rivista Science, la ricerca è stata condotta dal Lawrence Berkeley National Laboratory, in California. Questa scoperta conferma le ipotesi sull’esistenza di batteri molto più grandi di quelli finora identificati e potrebbe aprire la strada a nuove ricerche utili per comprendere meglio le loro caratteristiche.
La proliferazione del batterio - Il gruppo di ricerca vuole capire se Thiomargarita magnifica sia tipico esclusivamente della zona di Guadalupa e degli ecosistemi in cui è stato osservato, tra le mangrovie, o se sia presente anche in altre aree del mondo. La presenza di grandi quantità di zolfo sembra essere determinante per la proliferazione di questo batterio, che si nutre proprio delle molecole dello zolfo.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.