Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Vuoi vedere che l'Età dell'oro era solo l'ombra di Wall Street? PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Lunedì 09 Gennaio 2023 00:21


Aria di crisi finanziaria ovunque

Il prezzo dell’oro ha segnato un massimo di 6 mesi e gli analisti ritengono che il rally continuerà per tutto il 2023. L’oro spot ha raggiunto il picco appena sotto i 1.850 dollari l’oncia, prima di scendere a quota 1.831,42 dollari l’oncia. I future sull’oro Usa sono aumentati dello 0,6% a $ 1.836,90.
I prezzi del metallo prezioso sono in generale in rialzo dall’inizio di novembre poiché le turbolenze del mercato, le crescenti aspettative di recessione e l’aumento degli acquisti di oro da parte delle banche centrali hanno sostenuto la domanda. Ole Hansen, responsabile della strategia delle materie prime presso Saxo Bank, ha affermato:
“In generale, ci aspettiamo un 2023 favorevole per il mercato dell’oro, supportato da recessione e rischi di valutazione del mercato azionario: un eventuale picco dei tassi della banca centrale combinato con la prospettiva di un dollaro più debole e un’inflazione che non torni al livello previsto inferiore al 3% entro l’anno. Inoltre, la de-dollarizzazione osservata da diverse banche centrali lo scorso anno, quando è stata acquistata una quantità record di oro, sembra destinata a continuare”.
Guardando al futuro, Hansen ha suggerito che gli eventi chiave per i prezzi dell’oro saranno i verbali di mercoledì dell’ultima riunione della Federal Reserve statunitense e i dati sull’occupazione negli Stati Uniti di venerdì.
Nuovo massimo storico per l’oro?
Gran parte delle prospettive per il 2023 per i mercati globali dipenderà dalla traiettoria della politica monetaria, poiché le banche centrali allentano gli aggressivi aumenti dei tassi di interesse dello scorso anno tra il rallentamento della crescita economica e possibili recessioni.
Continua a leggere dopo la pubblicità
Gli economisti sono divisi sul fatto che ciò culminerà in nuovi tagli dei tassi entro la fine dell’anno, poiché si prevede che l’inflazione rimarrà ben al di sopra dei target nella maggior parte delle principali economie. Secondo gli strategist, una svolta completamente accomodante da parte delle banche centrali quest’anno avrebbe probabilmente importanti implicazioni per i prezzi dell’oro.

Eric Strand, manager dell’ETF AuAg ESG Gold Mining, ha dichiarato il mese scorso che il 2023 produrrà un nuovo massimo storico per l’oro e l’inizio di un “nuovo mercato rialzista secolare”, con un prezzo superiore a $ 2.100 l’oncia.
“Le banche centrali come gruppo hanno continuato, dopo la grande crisi finanziaria, ad aggiungere sempre più oro alle loro riserve, con un nuovo record fissato per il terzo trimestre del 2022”, ha affermato Strand. Che ha aggiunto:
“È nostra opinione che le banche centrali faranno perno sui loro aumenti dei tassi e diventeranno accomodanti durante il 2023, il che innescherà una mossa esplosiva per l’oro negli anni a venire. Riteniamo quindi che l’oro chiuderà il 2023 con un valore almeno del 20% superiore”.
Il sentimento rialzista è condiviso da Juerg Kiener, amministratore delegato e chief investment officer di Swiss Asia Capital, che il mese scorso ha dichiarato che le attuali condizioni di mercato rispecchiano quelle del mercato dell’oro del 2001 e del 2008.
“Nel 2001, il mercato non si è mosso solo del 20 o 30%, si è mosso molto, lo stesso nel 2008, quando abbiamo avuto una svendita minore nel mercato e lo stimolo è tornato, e l’oro è passato da $ 600 a $ 1.800 in pochissimo tempo, quindi penso che abbiamo ottime possibilità di assistere a un movimento importante. Non sarà solo il 10 o il 20%, penso che toccherà davvero nuovi massimi.”

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.