Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Se vogliamo dimagrire un po' PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Venerdì 13 Gennaio 2023 00:07


Bastano alcuni grammi di pasta in meno ogni giorno. E ci stanno aiutando


A causa dell'aumento dell'inflazione nel 2022 pane e pasta si sono piazzati, insieme ai cereali, al primo posto nella classifica dei rincari dei prodotti alimentari e bevande analcoliche. Per pane e pasta una famiglia "tipo" ha speso circa 100 euro sui 513 in più (9,1%) rispetto al 2021. A stilare la top ten dei rialzi avvenuti lo scorso anno è stata l'Unione Nazionale Consumatori dopo aver elaborato i dati Istat per calcolare l'inflazione media provvisoria del 2022 e la classifica dei rincari, sia dei prodotti alimentari e bevande analcoliche sia di quelli non alimentari.
Guardando ai rialzi dei prodotti alimentari (9,4% per 488 euro), la voce "pane e cereali" (che include pane, pasta, farina e riso) si piazza in cima con 100 euro in più a fronte di un'inflazione media del 10,9%.

Il pane (fresco e confezionato) e la pasta (fresca, secca e preparati di pasta) hanno visto aumenti rispettivamente di 29 (11%) e 24 euro (17,3%). Al secondo posto i vegetali che, con l'inflazione maggiore di questa graduatoria (+11,8%), sono costati mediamente 92 euro in più a famiglia. Medaglia di bronzo per le carni, con una stangata pari a 87 euro (+7,2%) con il pollame, in particolare, che ha segnato il balzo più alto (+13,4%) e un aggravio di 31 euro.

Appena giù dal podio, secondo la classifica dei rincari dell'Unc, latte, formaggi e uova (+9,5%, pari a 69 euro), poi pesci e prodotti ittici (+7,7%, 40 euro), al sesto posto la frutta (+7,1%, 36 euro). Seguono oli e grassi (+18%, 31 euro) ma l'olio diverso da quello di oliva spicca il volo con +51,6% rispetto al 2021, pari a 13 euro di rincaro. All'ottavo posto acque minerali e bevande analcoliche (+8,7%, +23 euro) e al nono zucchero, confetture e miele (+7,3%, +16 euro). Chiudono la top ten gli altri prodotti alimentari: salse, piatti pronti, alimenti per bimbi, integratori alimentari hanno visto un aumento del 6,5% mentre caffè, tè e cacao del 5,2% per un rialzo di 9 euro.

Guardando all'inflazione, svetta l'olio diverso da quello d'oliva (51,6%), seguito dal burro (+28,2%) e dallo zucchero, +19%. Ci sono poi la farina (+18,5%), il riso (+17,9%), la margarina (+17,8%), la pasta - fresca, secca e preparati di pasta - (+17,3%), il latte conservato (+16,5%), i vegetali freschi (+14,3%). Chiude la top il pollame (+13,4%).

Per la top ten 2022 dei rincari dei prodotti non alimentari, al primo posto per l'inflazione c'è l'energia elettrica, "con un astronomico +110,4%", afferma l'Unc che indica al secondo posto i voli internazionali (+85,9%) e al terzo il gas naturale e di citta' (+73,7%). Al quarto posto il gasolio per riscaldamento (+38,4%), seguito da Gpl e metano (+33,3%) e al sesto gasolio per mezzi di trasporto (+22,1%). Al settimo supporti con registrazioni di suoni, immagini e video (+20,5%), poi voli nazionali (20%), Al nono apparecchi per la telefonia fissa (16,7%) e al decimo macchine fotografiche e videocamere (16,4%).

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.