giovedì 22 Febbraio 2024

Quanto sì bello

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

 

Tra mascherate e sarabande la visita del patron libico a Roma sullo sfondo di un conflitto angloitaliano

    Un buffo personaggio che sembra il figlio di Renato Zero e Peppino di Capri è giunto in Italia improvvisando una performance da baraccone, con tanto di foto appesa al collo.

L’uomo, che ci dicono si creda il capo di stato libico, è venuto a Roma a definire la vendita del suo paese, nostra ex colonia, ai capitali nostrani.

L’acquisto, mascherato sotto la voce “Riparazioni” è fruttuoso per noi. In primo luogo ci ha già permesso di avere dall’altra sponda del Mediterraneo un partner che vigila per ridurre le ondate di clandestini e che ci permette anche di rimandarglieli indietro. Questo innervosisce tutti coloro che sul traffico di schiavi mangiano a piene ganasce, in primis le associazioni “umanitarie” cattocomuniste. Nel pacchetto vendita , come ha esplicitamente affermato, Gheddafi ha inserito anche l’assoluta priorità italiana, se non addirittura l’esclusiva, nell’utilizzo delle risorse del governatorato libico. E non è finita. C’è soprattutto la ricostruzione della terra di cui è ras da quarant’anni, e che praticamente è all’abbandono, che vedrà occupate le ditte italiane.

Qui Peppafi Zero è stato chiaro: “il popolo libico ha fatto la rivoluzione contro il colonialismo, ma anche contro la corruzione. Sotto questo aspetto siamo molto sensibili”. Molto sensibili? Molto QUANTO, signor governatore?

Questa è la domanda giusta, l’unica che ha un senso porsi, senza coinvolgerci nella sarabanda di questi giorni, con tanto di “Onda ” (sì e no una leggerissima increspatura) che accusa il signore in questione di essere “fascista”. Con tanto di opposizioni che si scandalizzano per la presenza di uno che finché ci minacciava di guerra – ma pagava la Fiat – andava bene ma ora che ci fa da cuscinetto rispetto alle invasioni dal mare diventa cattivissimo. Una sarabanda con tanto di alti toni antitaliani e anticolonialisti adoperati non ad uso nostro ma interno e rivolto anche all’intero mondo arabo. Dello stile: mi sono venduto ma salvo la faccia.

Sullo sfondo di queste pagliacciate di serio c’è soltanto il fatto che la Libia è stata comprata dall’Italia e che l’Inghilterra, che perde colpi nel Mediterraneo, è furiosa. Per questo Murdoch è venuto allo scoperto attaccandoci proprio in questi giorni.

E questa è l’unica nota importante, e preoccupante, del momento. Quando l’Italia agisce sul Mediterraneo, sotto qualsiasi forma, Londra suscita destabilizzazione, terrorismo e guerre civili. Sono centocinquant’anni che va così. E’ di questo che dovremmo preoccuparci o perlomeno occuparci. Il resto è patetica messinscena da avanspettacolo.

 

 

Ultime

Furbetta artificiale

Posti a rischio a valanga, almeno nella prima fase

Potrebbe interessarti anche