domenica 16 Giugno 2024

Solo i neonati non guidano

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

In Italia c’è il maggior numero di auto pro/capite dell’intero pianeta.
Status symbol ma anche ferrovie inadeguate, frutto della dittatura Fiat che ci ha gettati nel terzo mondo. Da ricchi e viziati però

La densità di automobili in Italia é la maggiore d’Europa, con 1,69 abitanti per autovettura. Il teritorio del Bel Paese é sempre più cosparso di lamiere, molto più che negli altri paesi dell’Unione. Secondo una ricerca compiuta dall’Osservatorio Autopromotec, istituto di ricerca di settore, l’Italia precede l’Islanda (1,73), la Germania (1,83), la Svizzera (1,93) e la Gran Bretagna, con un rapporto di 1,98 abitanti per autovettura.
AFFARI – Non sembra lontano il giorno in cui ciascun italiano circolerà con un’auto propria, alla faccia della salvaguardia ambientale e del traffico ingestibile. Secondo quanto emerge dalla ricerca le autovetture circolanti sono cresciute del più 15,5% nel corso degli ultimi dieci anni, passando dai 29,7 milioni di unità del 1994 ai 34,3 milioni del 2003. Il ritmo delle immatricolazioni di auto nuove è costante e nel 2003 gli italiani hanno speso 41,1 miliardi di euro per l’acquisto di oltre 2,2 milioni di autovetture nuove e 12 miliardi di euro per acquistare 3 milioni di vetture usate.
REGIONI – Lo studio delinea anche la graduatoria nazionale della maggior densità automobilistica nelle venti regioni italiane. Nella classifica nazionale per regioni la maggiore densità automobilistica spetta alla Valle D’Aosta (1,03), seguita dal Lazio (1,46), dall’Umbria (1,53), dal Piemonte (1,56) e dalla Toscana (1,60). Negli ultimi cinque posti della graduatoria delle regioni italiane con un minor rapporto abitanti/autovetture si collocano invece: la Puglia (1,96), la Basilicata (1,94), la Calabria e la Liguria (entrambe con un rapporto di abitanti per autovettura di 1,89) ed il Molise (1,85). E’ probabile dunque che le «domeniche a piedi» che ora sollevano tante discussioni, nelle città italiane diventeranno sempre più frequenti.

Ultime

Francesco Cecchin

45 anni dal martirio

Potrebbe interessarti anche