sabato 15 Giugno 2024

Yoghi e Bubu alla ricerca della dignità perduta

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Il cinema internazionale privo di contenuti si piega alla logica consumistica. L’ultimo film di Eytan Fox racconta una storia omosessuale sotto le armi nell’esercito israeliano. Edificante quadretto

Non c’e’ sole e sabbia attorno a quell’avamposto ai confini fra Israele e Libano, ma tanta neve. Fuori, soltanto il silenzio, l’attesa di un nemico, di una minaccia quasi astratta come un’inevitabile maledizione; che non vedremo mai concretizzarsi, perlomeno alla maniera dei telegiornali. Dentro, la claustrofobia dei cunicoli del bunker; e le radioline, con l’ultimo successo della star in voga nelle discoteche di Tel Aviv frequentate fino a ier sera. E una love story gay, osteggiatissima sotto le armi, poiché oltretutto fra un capitano ed il proprio subalterno; e varie schermaglie etero, poiché le belle israeliane vengono arruolate spedite pure loro al fronte? Storielle sentimentali, perdute come i loro semiseri (si pensa talora al MASH del primo Robert Altman) protagonisti in un dramma più grande di loro? Soltanto agli occhi più sbadati. Perché la camera è a spalla, e non soltanto per giravoltare più o meno gratuitamente; la pellicola è sgranata, e non per una futile esercitazione da falso documentario. C’è una libertà del filmare, una leggerezza, ed al tempo stesso una gravità commossa, in questo YOSSI & YAGGER. Che rappresenta una sorta di piccolo miracolo all’interno della greve, catastrofica impotenza con la quale il mondo si confronta al problema israeliano. Libertà degli attori, catturati tutti senza artifizi. E libertà salutarmente sorprendente, disinibita ed egualmente vera e delicata, nella rappresentazione dei rapporti etero, per non dire di quelli omosessuali. Finisce allora per esserci silenzio e musica, tensione ed umorismo, disinvoltura e commozione in un film nel quale Eytan Fox si ritrova egualmente a proprio agio nei toni scanzonati come in quelli drammatici; nei momenti sospesi della commedia come in quelli angosciosi dell’azione. L’uscita di questo film diretto da un regista di Tv movies e interpretato da qualche idolo televisivo pare sia bastata per suscitare immensa riprovazione e conseguente logica affluenza ai botteghini in patria. Desideri omo ed etero, storie di amore e morte in un connubio che pure vanta qualche precedente, pare abbiano poco a che fare con i discorsi più seri. Nel caso ne dubitassimo, tutto il mondo è paese.



Edificante quadretto !

Ultime

Almas ardiendo

Quando nascono gli eroi

Potrebbe interessarti anche