mercoledì 6 Dicembre 2023

I complotti che non ci sono

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored


ma si vedono tutti

Non c’è condizione più favorevole per l’emersione dei complotti che lo stato di emergenza. Quando l’uomo si trova impotente di fronte al vacillamento delle sue presunzioni di certezza e di sicurezza, scatta il meccanismo della caccia a un qualunque nemico.
Tutto vero, è così, ma un mio paziente paranoico, oggi in buon compenso e con una equilibrata capacità critica unita ad una simpatica autoironia, mi disse tempo fa: “Il fatto di essere paranoico non esclude però che realmente gli altri possano avercela con te”.
Su questa considerazione è il caso di meditare. E l’opportunità la offre il libro di Daniel Pipes Il lato oscuro della storia.
Quello che emerge dal saggio, secondo una mia personale e coltivata paranoia, è una impostazione contro-complottista. Cerco di spiegarmi meglio.
L’Autore denuncia le tesi complottiste messe in atto nel corso dei secoli contro ebrei e massoni principalmente, e individua due specifiche ideologie come agenti di questa operazione: il nazismo e il comunismo. Naturalmente, esplicita con nomi e cognomi gli attori dell’inganno universale: da Lutero a Rosenberg, da Filippo il Bello a Stalin, in un’ampia e variegata categoria di loschi cospiratori contro il bene dell’uomo.
Io pongo a questo punto una serie semplice di domande: perché di fronte ad un’ipotesi di complotto non si risponde con la pratica della discussione e del confronto pubblico? Perché contro i diffusori del sospetto e delle conseguenti accuse si applica la legge penale e civile – persecuzione giudiziaria ed emarginazione sociale? Perché, invece di diffondere la vergogna di taluni scritti o di video ignobili contestandone la nullità e l’infamia si predilige la proibizione dei primi e l’oscuramento dei secondi?
Questo vale dai tanti deprecati Protocolli dei savi di Sion agli ultimi interventi sulla questione del Covid-19.
Il presupposto dell’Autore è semplice, e in sé squallidamente fuorviante: solo ideologie abiette possono organizzare complotti e intrighi, i sistemi democratici non lo farebbero mai.
A questo punto la scelta è ridere o piangere.
L’Italia, per quanto ci riguarda, è infarcita di complotti ignobili: dall’assassinio di Enrico Mattei alla strage della Banca dell’Agricoltura, dalla morte di Aldo Moro al macello della stazione di Bologna, dall’attacco di Ustica alla caduta di Argo 16 e via via elencando.
Questa democrazia è impiastrata di trame, multipli giochi e macchinazioni odiose.
Sul Covid-19 l’atmosfera non cambia. C’è un link che denuncia questo – https://youtu.be/t_ub8R5I73w -, e la risposta è l’ostracismo per i giornalisti non allineati.
Un grande paranoico d’eccezione, Giulio Andreotti, che di trame era sicuramente un conoscitore, aveva affermato molto candidamente A pensare male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca.
Da peccatore irriducibile e mai pentito, credo che spesso c’ho imbroccato.

Ultime

Algoritmi and blues

Una strana chiesa americana

Potrebbe interessarti anche