giovedì 13 Giugno 2024

Il gioco degli stragisti

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Dietro Madrid… riflessioni.
























L’11 di marzo ha contrassegnato, forse, l’inizio di una campagna di terrore su vasta scala.
È auspicabile che l’atrocità si esaurisca nello strazio dei duecento morti e degli oltre millecinquecento feriti di Madrid, è sperabile ma non è assolutamente certo.
Alcune “fonti bene informate” sostengono purtroppo il contrario
.
Da voci provenienti dalla finanza americana una campagna del terrore il cui obiettivo principale sarebbe quello di colpire le borse è prevedibile in Italia, Francia e Inghilterra oltre che, nuovamente, negli Stati Uniti.
Fonti “vicine” al Mossad – ovverosia il servizio segreto israeliano così presente negli intrighi internazionali più sanguinosi – parlano di Roma e Vienna.
E dobbiamo tristemente convenire che l’unico comun denominatore delle due piste è proprio il nostro Paese.
.
Si può sempre sperare che l’allarmismo sia infondato e che tutto rientri nella normalità, ma dobbiamo ipotizzare il contrario e, quindi, trovarci mentalmente preparati a quanto potrà accadere, ché, se davvero di terrore globale su vasta scala si tratta, tutto il quadro politico verrà sconvolto e sarà allora necessario mostrarsi all’altezza degli eventi.
Perché il gioco è abbastanza chiaro, ma non si può ragionare freddamente su di esso allorquando l’opinione pubblica è eccitata al calor bianco, pena il sospetto di acquiescenza verso i criminali.
L’immagine del terrore che ci giunge dal Pentagono-Cnn e che ci viene letteralmente imposta è quella di Al Qayda, una sorta di società segreta criminale onnipotente, proprio come la Spectre di 007.
Non si può discutere questa “verità”: il Partido Popular spagnolo che l’ha messa in dubbio già l’undici di marzo, avrebbe addirittura perso il governo per questo, stando a quanto ci dicono.
.
Eppure una persona intelligente e riflessiva, specie se ha esperienza politica, non può assolutamente dar credito alle grossolane panzane che furono imposte al mondo intero dopo l’11 settembre e si renderà perfettamente conto che colà non agirono commandos suicidi arabi ma che la realtà fu ben diversa.
Personalmente non ho avuto bisogno di attendere l’uscita dei due documenti-inchiesta di Maurizio Blondet (“11 settembre colpo di stato in America” e “Chi comanda davvero in America”) per rendermi conto che quel giorno si verificò un colpo di mano tragico, epocale e spaventoso.
Non ho avuto bisogno di consultare i grafici precedenti l’attacco per sapere che l’economia e la finanza americana erano sull’orlo della bancarotta e che soltanto una campagna bellica mirante a tre obiettivi (rilancio delle produzione industriale, rilancio dell’interrotta produzione di oppiacei in Afghanistan e occupazione delle fonti energetiche che alimentano l’Europa) avrebbe permesso agli Usa di prolungare l’agonia

Ultime

Dipendenza gas

Ma resta volatile, come il mercato

Potrebbe interessarti anche