mercoledì 24 Luglio 2024

Gli ultrà del Nabucco

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Quelli che sostiene Israele e per cui si sono raffreddate le relazioni tra Ankara e Tel Aviv

 

Impugnano pistole e mirano ad altezza d’uomo. Al grido di “sangue per sangue” e “vendetta” e inneggiando al leader curdo in carcere Abdullah Ocalan, migliaia di curdi in tutta la Turchia sono scesi in piazza per protestare contro la decisione della Corte costituzionale di chiudere il Partito per una Società Democratica (Dtp), principale formazione filo-curda del Paese, perchè ritenuto in collusione con il separatista e fuorilegge Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk). Scontri fra dimostranti e polizia si sono registrati in varie città come hanno riferito le Tv turche mostrando immagini di manifestanti contro gli agenti della polizia in assetto anti-sommossa e usavano fionde per colpire le telecamere di sicurezza installate all’ingresso delle banche.
Questi qui sono quelli che sostiene Israele e per cui si sono raffreddate le relazioni tra Ankara e Tel Aviv. E il Pkk è indicato dagli analisti del narcotraffico come l’unica organizzazione politica che abbia il controllo di ogni fase: produzione, traffico, spaccio (in particolare in Germania) e riciclaggo fondi.

Ultime

Estinta

Flora e fauna che scompaiono

Potrebbe interessarti anche