domenica 14 Luglio 2024

Hanno dato ascolto ai bambini

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 Rinvii a giudizio per Rignano Flaminio

Tutti a giudizio per il Caso Rignano. Lo ha deciso il giudice dell’udienza preliminare di Tivoli, Pierluigi Balestrieri.
Il processo che si svolgerà il 27 maggio prossimo davanti al tribunale di Tivoli vedrà sul banco degli imputati per le presunte violenze subite dai bambini della scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio le maestre Patrizia Del Meglio, Marisa Pucci e Silvana Candida Magalotti, la bidella Cristina Lunerti, e il marito della Del Meglio, Gianfranco Scancarello.
I cinque imputati dovranno rispondere di accuse pesantissime: da atti osceni a maltrattamenti, sottrazione di persone incapaci, sequestro di persona, violenza sessuale aggravata, corruzione di minorenni, violenza sessuale di gruppo, fino a turpiloquio e atti contrari alla pubblica decenza. 
Dopo il rinvio a giudizio in una dichiarazione i penalisti Antonio Cardamone e Franco Merlino e Pietro Nicotera, che assistono alcuni dei familiari hanno espresso la loro soddisfazione.  In particolare Cardamone e Merlino hanno detto: “Con buona pace di chi si è stracciato le vesti per ridicolizzare questa indagine, oggi un ulteriore vaglio giudiziario ha dimostrato che le accuse hanno un valido fondamento. Affronteremo questo processo certi della sussistenza degli abusi visto che anche oggi i bambini stanno male e che il dibattimento è un passaggio fondamentale per impedire che queste cose si ripetano”.  Quanto all’avvocato Pietro Nicotera, ha sottolineato: ”I familiari aspettavano con ansia questo giudizio. La soddisfazione è piena e appaga le loro attese e ora si confida che il Tribunale appronfodisca le situazioni e stabilisca le responsabilità”.  Hanno accolto invece ”con sconcerto” le decisioni del Giudice dell’Udienza Preliminare di Tivoli i legali degli imputati, il professore Franco Coppi e gli avvocati Giosuè e Ippolita Naso.
Comunque vada il processo il rinvio a giudizio è importante: ha evitato un precedente giuridico che avrebbe tolto a qualsiasi minore la credibilità nell’accusa sugli abusi ricevuti da parte degli adulti.

Ultime

Liberatori

Bombardano

Potrebbe interessarti anche