lunedì 22 Luglio 2024

In buone mani

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored


Protesi multiarticolate in Italia

Dalle mani mioelettriche a protesi multiarticolate di ultima generazione. Riparte così la vita “normale” di una 60enne milanese, Paola, che aveva perso la piena funzionalità degli arti dopo un’infezione. Adesso le nuove mani hanno 14 prese personalizzabili e le consentono una vasta gamma di movimenti quotidiani. L’intervento è stato effettuato a Torino.
Le protesi, prodotte da Nexus, sono al momento uno dei sistemi tecnologicamente più avanzati. Un passo in avanti rispetto alle tradizionali protesi mioelettriche perché rendono possibile compiere prese forti o delicate, permettendo all’utente di muovere autonomamente anche il pollice.
“Siamo molto contenti del risultato dell’operazione e di come Paola stia affrontando questa nuova fase della sua vita – ha commentato Roberto Ariagno, direttore dell’Officina Ortopedica Maria Adelaide -. La mano adesso rende possibili i gesti quotidiani e una sempre maggiore autonomia”. Le protesi Nexus sono state progettate sulla base di numerosi dati, misurati e raccolti per arti anatomicamente proporzionati. È possibile ricaricare le batterie tramite un cavo Usb.
Paola dovrà affrontare un periodo di allenamento, a Milano, presso l’unità operativa Dat del Centro S.Maria Nascente, una struttura specializzata nella riabilitazione del paziente amputato di arto superiore.

Ultime

William Tell

Ma non ha mai preso la mela

Potrebbe interessarti anche