domenica 21 Luglio 2024

Kostner d’oro

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Campionessa d’Europa

Dal buio degli attacchi di panico alla luce d’oro della medaglia conquistata a Tallinn, con in mente una dedica speciale per la sua piccola e sfortunata amica Gloria. Carolina Kostner è tornata e sarà lei, grazie alla sua terza volta sul trono europeo, a strappare il biglietto per le Olimpiadi invernali di Vancouver.
Un posto, quello dell’aereo diretto in Canada, che alla vigilia della rassegna continentale in Estonia sembrava già in tasca dell’altra azzurra Valentina Marchei, oggi però classificatasi solo ottava e ancora troppo lontana dalla sua rinata compagna di squadra. Una rinascita cominciata oltreoceano nella patria dei film americani e dove la Kostner è tornata a girare come sa: la scelta dell’azzurra di cambiare allenatori, allenamento e di volare a Los Angeles per superare tutti i suoi problemi si è rivelata così azzeccata. “Sono contenta – ammette la gardenese – perché sono venuta qui non per sfidare la Marchei, ma per far vedere a tutto il mondo che la mia scelta di andarmi ad allenare a Los Angeles era la scelta giusta”. Una vittoria – quella ottenuta nonostante una caduta a metà della sua prova libera su musiche di Bach e Vivaldi – dedicata a se stessa, ma soprattutto ad una bambina malata di cancro e scomparsa poco prima di Natale.
“L’oro lo voglio dedicare a me stessa, sento di meritarmelo, e a tutti quelli che lavorano con me, il team, le Fiamme Azzurre, il Coni e la Federazione. Un pensiero particolare – spiega una commossa Carolina – alla mia amica Gloria, una bambina malata di cancro che purtroppo non ce l’ha fatta a venirmi a vedere ai campionati italiani”. L’azzurra è tuttavia riuscita almeno a realizzare il sogno di Gloria di pattinare insieme alla sua campionessa preferita durante un galà a Torino: “Mentre pattinavo – racconta la gardenese – il mio pensiero era per Gloria, sono ancora in contatto con i suoi genitori, sento la presenza di Gloria vicino a me. Spero che, come si è realizzato il suo sogno, spero che Gloria mi aiuti a realizzare il mio alle Olimpiadi”. Poi la Kostner racconta i suoi nuovi allenamenti a Los Angeles: “Sono molto soddisfatta, mi ero data tempo fino a gennaio. Ho cambiato la tecnica nei salti e all’inizio ho fatto tante cadute. Facevo gli impacchi di acqua e sale, ero piena di lividi e non riuscivo nemmeno a dormire”.
Agli Europei, la Kostner è riuscita a mettersi dietro la forte finlandese Laura Lepisto e la georgiana Elene Gedevanishvili, nonostante una brutta scivolata: “Non ho avuto paura di non farcela, ho reagito a differenza di altre volte, mi sono un po’ deconcentrata ma sono riuscita a reagire”. E alla fine l’oro è arrivato, e con esso il momento di festeggiare. La Kostner questa sera brinderà alla sua rinascita con la famiglia, mentre lunedì sarà già a Milano per provare il costume griffato Cavalli che indosserà a Vancouver. Martedì sarà già tempo di tornare a Los Angeles per cominciare a cullare il sogno olimpico.

Ultime

Si decide l’Italia

Sulla punta delle baionette

Potrebbe interessarti anche