sabato 20 Luglio 2024

Razz

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Un giallo politico e un affresco socioculturale con sullo sfondo l’Asso di Bastoni

Un atto di accusa sulla decadenza della classe politica torinese, di centrodestra e di centrosinistra. Lo si trova in “Razz, politici d’azzardo”, romanzo di Augusto Grandi, corrispondente dal capoluogo piemontese del quotidiano Il Sole-24 Ore. Con un linguaggio crudo e diretto, per nulla edulcorato, e dopo anni di frequentazione del mondo politico cittadino, Grandi mette a nudo i meccanismi del potere locale, raccontando le gesta di politici spregiudicati alle prese con intrighi e storie di sesso. Persone non guidate da una ideologia ma interessate esclusivamente alla carriera.
“Razz è il poker californiano in cui si vince con il punteggio più basso – spiega l’autore -. Qui sono i protagonisti a vivere al ribasso, i politici che hanno sostituito l’ideologia con una gestione condominiale della politica, attraverso la spartizione del potere per semplici interessi personali, nel totale disprezzo dei cittadini. Persone pronte a sacrificare anche i compagni di partito e a favorire l’avversario politico pur di trarre convenienza insieme”. Il gioco di dare un volto ai personaggi descritti nelle pagine del libro è partito. “Io credo nella politica, ma non nei politic”? chiosa Grandi, che comunque non perde la speranza.
“Lo spazio per la redenzione c’è e lo dimostra un personaggio femminile del romanzo, che si redime. E’ l’esempio che esistono ancora giovani che credono in qualcosa di diverso da tutto ciò che descrivo”.

Ultime

Alto tradimento

Il 25 luglio tedesco: cruento e fallito

Potrebbe interessarti anche