Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Glob
Archetipo: il mercante PDF Stampa E-mail
Scritto da Umanità Nova   
Martedì 23 Novembre 2004 01:00

Il ciclone Bolkestein: un vento iperliberista spira sull'Europa e il Diomercato distrugge ogni vestigia di sovranità

La Commissione Europea ha annunciato una nuova Direttiva tesa a «ridurre i vincoli alla competitività» (IP/04/37, 13 gennaio 2004). Dietro questi propositi si nasconde un nuovo attacco irresponsabile della Commissione contro quel che resta del «modello europeo», agonizzante dopo le privatizzazioni che si sono succedute e le ripetute rimesse in causa dei diritti sociali. Si tratta di un progetto di Direttiva "relativa ai servizi per il mercato interno", preparato dall'ultraliberista commissario europeo Bolkestein. Il testo del progetto, il comunicato stampa e una valutazione generale della Direttiva si trovano sul sito: http://www.europa.eu.int/comm/internal_market/fr/services/services/index.htm. L'obiettivo è imporre ai 25 Stati membri dell'Unione le regole della concorrenza commerciale, senza alcun limite, in tutte le attività di servizio che non sono già coperte da altre normative europee. Ciò significa che la logica del profitto s'imporrà ovunque. Chi ha familiarità con le regole dell'Organizzazione mondiale del commercio (Omc/Wto) e dell'Accordo generale sul commercio dei servizi (Agcs/Gats), riconoscerà in questo progetto di Direttiva i principi e le procedure già stabilite da quegli accordi. Ancora una volta l'Unione europea non protegge dalla globalizzazione neoliberista; ne prende, anzi, la guida.

Oggetto della Direttiva
Il progetto di Direttiva stabilisce «un quadro giuridico generale per eliminare gli ostacoli alla libertà di insediamento dei fornitori di servizi e alla libera circolazione dei servizi in seno agli Stati membri». La Direttiva definisce (art. 4) i servizi come segue: «Ogni attività economica che, secondo l'art. 50 del Trattato istitutivo, si occupa della fornitura di una prestazione oggetto di contropartita economica». Chiaramente sono presi in considerazione tutti i servizi eccetto quelli erogati direttamente e gratuitamente dai poteri pubblici: l'istruzione e la cultura, la sanità e le cure sanitarie. Un promemoria della Commissione (Memo/04/03, 13 gennaio 2004) presenta una lista incompleta dei servizi presi in considerazione dalla Direttiva, che vanno dai servizi giuridici alle professioni artigianali, l'edilizia, la distribuzione, il turismo, i trasporti, i servizi sanitari e di copertura delle cure sanitarie, i servizi ambientali, gli studi di architettura, le attività culturali, il collocamento.

Gli "ostacoli"
Gli "ostacoli" sono rappresentati dalle legislazioni e regolamenti nazionali, considerati dalla Commissione europea «arcaici, obsoleti e in contraddizione con la legislazione europea». Occorre «riformare» per «modernizzare». Ma questi "ostacoli" sono spesso disposizioni prese dai poteri pubblici per la migliore prestazione del servizio dal punto di vista dell'utilizzo dei fondi pubblici, dell'accesso di tutti, delle garanzie fornite per la sua qualità, del diritto al lavoro, delle tariffe, della trasparenza. Gli "ostacoli" presi di mira dalla Commissione europea sono dunque decisioni che i poteri pubblici hanno preso per evitare che il settore dei servizi diventi una giungla. Ecco perché la Commissione europea intende rimettere in causa «il potere discrezionale delle autorità locali» (IP/02/1180 del 13 luglio 2002), ossia delle istituzioni elette e controllate democraticamente. La Direttiva proposta è una vera e
 
Bush Laden contro la resistenza irakena PDF Stampa E-mail
Scritto da Michel Chossudovsky   
Domenica 21 Novembre 2004 01:00

Altro che scontro di civiltà: il clero wahabita saudita – punto di riferimento di tutti i fondamentalisti islamici del pianeta – non solo non sostiene, ma addirittura condanna la resistenza irakena contro gli occupanti statunitensi.

16 novembre 2004 - Il "fondamentalismo islamico" associato con il clero wahabita dell'Arabia Saudita viene presentato con disinvoltura alla pubblica opinione degli USA come una minaccia per la sicurezza dell'America.



Viene detto che gli insorti in Iraq sono sostenti da ricchi donatori sauditi ed associazioni di beneficenza islamiche. Secondo i media occidentali, le stesse organizzazioni e fondazioni religiose dell'Arabia Saudita e degli stati del golfo che hanno sostenuto i talebani ed al Qaeda, compreso il "nemico numero uno" Osama bin Laden, adesso sostengono i "terroristi" in Iraq.



Questi resoconti distorcono la natura del movimento di resistenza iracheno. La campagna di propaganda dell'amministrazione consiste nel ritrarre quelli che combattono contro l'occupazione USA come dei "terroristi islamici".



Il fatto che conta è che il "fondamentalismo islamico", compresa la sua serie di fondazioni e associazioni di beneficenza fuori dell'Arabia Saudita, non sostengono il movimento di resistenza in Iraq. Infatti, è proprio il contrario.



Il capo della commissione suprema degli ulema e muftì dell'Arabia Saudita, Shaykh Abd-al-Aziz Bin-Abdallah Al al-Shaykh, recentemente ha emesso una fatwa (decreto religioso islamico) che proibisce ai giovani sauditi di unirsi al movimento di resistenza iracheno:



In precedenza, l'ambasciatore saudita a Londra, principe Turki al-Faysal, ha fatto delle dichiarazioni rigettanti la dichiarazione emessa da ulema sauditi che esprimeva simpatia verso i difensori di Al-Fallujah. Egli ha veementemente criticato questi ulema.



E qui entra in gioco Shaykh Abd-al-Aziz Bin-Abdallah Al al-Shaykh, capo della commissione suprema degli ulema e muftì dell'Arabia Saudita, emettendo una fatwa (decreto religioso islamico) con il quale proibisce la lotta in Iraq contro gli occupanti ed avverte i giovani sauditi dall'unirsi ai loro fratelli che resistono con il pretesto che andare in Iraq non serve a niente ed è denso di rischi.
(Editoriale di Al-Quds al-Arabi, Londra 14 novembre 2004).



Questa decisione del muftì saudita e della commissione degli ulema non dovrebbe essere una sorpresa. Il "fondamentalismo islamico" è stato coerentemente utilizzato per sostenere gli interessi della politica estera degli USA.



L'intervento militare USA in Afghanistan negli anni '80 è stato sostenuto dai missionari wahabiti provenienti dall'Arabia Saudita, che addestrarono i talebani ("diplomati") nelle madrassas sponsorizzate dagli USA in Pakistan ed Afghanistan. La dottrina wahabita non si sarebbe diffusa nel modo nel quale lo è stata senza l'appoggio dei servizi segreti USA.



Dagli anni '80 la CIA ha fornito addestramento alla guerriglia in Pakistan, che veniva integrato con gli insegnamenti dell'Islam.



Al Qaeda era una creatura dei servizi segreti USA che è stata messa assieme con il sostegno dei servizi segreti pakistani e sauditi:



"E' stato il governo degli Stati Uniti a sostenere il dittatore pakistano Generale Zia-ul Haq nel creare migliaia di scuole religiose dalle quali sono emersi i germi dei talebani". ((Revolutionary Association of the Women of Afghanistan (RAWA), Dichiarazione della RAWA sugli attacchi terroristici negli USA, Centre for Research on Globalisation (CRG), http://globalresearch.ca/articles/RAW109A.html , 16 settembre 2001)



La "jihad", in questo caso, è stata montata per conto di Washington per destabilizzare il governo secolare afgano che al tempo era appoggiato dall'Unione Sovietica. L'Arabia Saudita operò intimamente con Washington nel reclutamento dei mujahideen (guerrieri santi) per combattere contro l'Unione Sovi

 
Strade dell'est PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Venerdì 19 Novembre 2004 01:00

Finalmente la Grande Europa; siamo infine una grande famiglia, che inizia dal marciapiede

POTENZA - I Carabinieri del Ros stanno eseguendo stamani oltre 30 arresti, a conclusione di indagini coordinate dai pm di Potenza - Vincenzo Montemurro ed Henry John Woodcock - che hanno portato a sgominare un' organizzazione ''transnazionale'', dedita al trasferimento in Italia di ragazze dai Paesi dall' Est da avviare alla prostituzione.
Nell' ordinanza di custodia cautelare (per molti in carcere, per altri agli arresti domiciliari) - emessa dal gip di Potenza, Alberto Iannuzzi - i reati contestati agli indagati sono associazione per delinquere finalizzata all' ingresso in Italia di extracomunitari, sfruttamento della prostituzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Le ragazze giunte in Italia venivano poi costrette a prostituirsi in locali notturni di Lombardia, Trentino-Alto Adige e Abruzzo: gli investigatori hanno accertato anche contatti fra alcuni degli appartenenti all' organizzazione arrestati oggi e una cosca mafiosa calabrese.
Durante l' operazione ''Iena'' i Carabinieri del Raggruppamento operativo speciale stanno eseguendo 33 ordinanze di custodia cautelare, 20 in carcere e 13 agli arresti domiciliari. I militari, inoltre, hanno sequestrato sette locali pubblici nelle province di Brescia, Trento e Pescara: sono i locali nei quali le ragazze, giunte in Italia dai Paesi dell' Est convinte che avrebbero migliorato la loro condizione, venivano avviate, secondo l'accusa, alla prostituzione. L' arrivo in Italia delle ragazze e' cominciato anche prima dell' approvazione, avvenuta alla fine di luglio del 2002, della legge cosiddetta Bossi-Fini sull' immigrazione, ed era pianificato proprio per sfruttare le possibilita' previste dalle norme italiane.
Le indagini coordinate da Montemurro, che e' sostituto procuratore della Repubblica presso la Direzione distrettuale antimafia di Potenza, e Woodcock hanno fatto emergere anche collegamenti fra il capo dell' organizzazione sgominata oggi e la cosca Piromalli-Mole' della 'ndrangheta calabrese, in provincia di Reggio Calabria, che attraverso una propria societa' attestava fittizie assunzioni delle donne da avviare alla prostituzione, ottenendo cosi' i permessi di soggiorno.

 
Lady Petrolio PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Martedì 16 Novembre 2004 01:00

Colin Powell si dimette: al suo posto, come Segretario di Stato la donna/falco delle multinazionali petrolifere. Cosa cambierà, in peggio, ovviamente ? Lo scopriremo solo vivendo…

WASHINGTON - La colomba (ah ah ah !!!) si sottrae alle grinfie dei falchi. E non e' ancora volata via che un falco ne prende il posto. Il segretario di Stato Colin Powell ha presentato le dimissioni al presidente George W. Bush, che le ha accettate e ha gia' deciso di designare al suo posto Condoleeza Rice, consigliere per la sicurezza nazionale.
Powell restera' in carica fino a che il suo successore non sara' stato designato da Bush e confermato dal Senato: questione di settimane. Al piu' tardi, tutto sara' fatto per l'insediamento del Bush 2, il 20 gennaio.
Alla guida del Dipartimento di Stato andra', dunque, la Rice, nera come Powell, donna come Madeleine Albright, vicinissima a Bush. La designazione lascia intravedere una linea di politica estera piu' aggressiva, ancora meno disposta al compromesso: salvo poi essere smentiti dai fatti.
Insieme a quelle di Powell, la Casa Bianca ha ieri accolto le dimissioni di altri tre ministri: quelli dell'istruzione Rod Paige, dell'energia Spencer Abraham, dell'agricoltura Ann Veneman. Nessuno dei tre lascia un segno indelebile, anche se nessuno dei tre aveva demeritato. Con i ministri della giustizia John Ashford, gia' sostituito da Alberto Gonzales, e del commercio Don Evans, sono sei i capi di dicastero del Bush 1 fattisi da parte, a due settimane appena dalle elezioni del 2 novembre.
E altri stanno per consegnare la lettera di commiato: quelli della sanita' Tommy Thompson, del commercio internazionale Robert Zoellick, della sicurezza interna Tom Ridge lo hanno pubblicamente anticipato. Il rimpasto, ''inevitabile'', come lo aveva definito il presidente Bush, sta assumendo proporzioni piu' ampie del previsto.
CAMBIAMENTO DI REGIME AL DIPARTIMENTO
- La decisione di Powell di andarsene non e' una sorpresa, perche' il segretario di Stato, un moderato, era spesso apparso fuori linea con i 'falchi' dell'Amministrazione, durante il primo mandato del presidente Bush.
Powell aveva sempre avallato le scelte dell'Amministrazione, anche quando poteva non condividerle, fino a impegnare - accadde il 5 febbraio 2003 - la propria credibilita' alle Nazioni Unite, per convincere il Consiglio di Sicurezza dell'Onu che l'Iraq aveva armi di distruzione di massa.
Non era vero, s'e' poi scoperto: l'intelligence statunitense si sbagliava. Ma Powell non ha mai manifestato rammarico: forse anche per questo, dicono fonti dentro il Dipartimento di Stato, lascia avendo consumato un po' dell'enorme capitale di credibilita' personale con cui era arrivato.
Fra i risultati conseguiti, Powell ricorda, inoltre, ''l'avere portato all'attenzione del mondo il problema della proliferazione, l'avere riaffermato le alleanze degli Stati Uniti, l'avere aggiustato l'atteggiamento americano verso il mondo del dopo Guerra Fredda e l'avere preso grosse iniz

 
La Cina è davvero vicina PDF Stampa E-mail
Scritto da Youth Daily   
Lunedì 15 Novembre 2004 01:00

I cinesi avvelenati dai farmaci. Ogni anno oltre centonovantamila vittime. Cavie delle aziende farmaceutiche o candidati alla nevrosi occidentale ?

Ogni anno in Cina 190 mila persone muoiono e 2,5 milioni ricorrono alle cure ospedaliere per uso improprio dei farmaci, causato dall’assunzione di medicine scadute o di mix che i malati ingeriscono senza consultare il medico. Lo afferma l’agenzia di stampa China Youth Daily, denunciando l’assenza nel Paese di una regolamentazione nel settore farmacologico e la bassa qualità dei medicinali. “L’unico controllo che viene effettuato nelle farmacie – afferma Zhang Heyong, presidente dell’Associazione farmaci non prescritti cinese – riguarda la licenza per la vendita di medicine”. Un altro fenomeno diffuso è la vendita di farmaci senza la necessaria prescrizione medica, oltre alla produzione di medicine pirata o contraffatte che, secondo il presidente della Commissione di supervisione sui farmaci, Zheng Xiaoyu, è in continuo aumento. “Con le moderne tecnologie nel campo farmaceutico è difficile distinguere fra medicine legali e illegali”, ha dichiarato Xiaoyu, sottolineando che il mercato illegale “alimenta un giro enorme di affari ed è caratterizzato da bassi prezzi e altissimi guadagni”. L’epidemia di Sars, scoppiata nel 2002 e tenuta segreta a lungo dalle autorità, ha reso manifesto il fragile sistema sanitario cinese, quasi inesistente nelle campagne e molto costoso nelle città. I malati di Aids, soprattutto prostitute e drogati, subiscono spesso soprusi come detenzione arbitraria e condanne ai lavori forzati. Pesanti discriminazioni anche negli ospedali, che rifiutano di ospitare le persone infette. Da non sottovalutare anche la polemica sulle statistiche: nel 2001 il ministero cinese della Sanità aveva denunciato circa 800 mila persone con l’Aids, mentre sei mesi dopo le Nazioni Unite hanno dichiarato che la Cina aveva 1,5 milioni di malati.
 
Belgio: in un modo o nell’altro è sodomia. PDF Stampa E-mail
Scritto da La Padania   
Domenica 14 Novembre 2004 01:00

Fuorilegge il Vlaamsblock (secondo partito in Fiandre), tappeti rossi per i pedofili. Così nel centro nevralgico dell’Europa Atlantica

In attesa dell¹approvazione del mandato di cattura europeo, giungono interessanti notizie dal Belgio.

Il Vlaams Blok dichiarato razzista e messo fuori legge. E i maniaci escono di galera...

«C’è un giudice a Bruxelles!», avranno esclamato i sedicenti difensori della libertà, dell’anti-razzismo, della democrazia e così via: ma la verità è che in questa Europa la democrazia e la libertà di pensiero sono sempre più a rischio, minacciati da ogni lato e sottoposti a fuoco concentrico. “Sublime” esempio di questo concetto di democrazia è quel Belgio che ama chi violenta i bambini, ma in compenso detesta chi difende la propria identità e le proprie tradizioni. Non ci credete? Guardate cosa è successo a Bruxelles, là dove - per molti – c’è un giudice. Anzi troppi giudici.

Il Vlaams Blok, partito identitario e autonomista del Belgio fiammingo, è razzista. Chi aveva qualche dubbio in proposito, d’ora in avanti lo tenga per sé, o corre il rischio di finire indagato per apologia di reato o consimili. La conferma è arrivata qualche giorno fa direttamente dalla Corte di Cassazione belga, che ha ritenuto fondata la condanna della Corte di

appello di Gand pronunciata nell’aprile scorso contro tre associazioni satelliti del partito, colpevoli di aver violato la legge contro il razzismo e la xenofobia. I giudici della Cassazione, accogliendo così la tesi del pubblico ministero, hanno respinto il ricorso presentato dagli avvocati del Vlaams Blok che in 21 punti reclamavano soprattutto una limitazione della libertà di espressione. Durante la lettura della sentenza, il presidente Edward Forrier ha ribattuto punto per punto su tutti gli argomenti della difesa dichiarandoli non ricevibili o incompleti. «Con questa sentenza che ci obbliga allo scioglimento, oggi siamo stati condannati a morte», ha dichiarato il leader del Blok, Frank Vanhecke, il quale ha tuttavia annunciato la presentazione, già da domenica, di un nuovo partito. (.)

Secondo partito alle ultime elezioni regionali nel Nord del paese, con il 23% dei voti, il Vlaams Blok è già oggi primo per numero di consensi ad Anversa, la seconda città del Belgio, con il 34,4% dei voti, mentre un recente sondaggio gli ha dato il 26,9% dei suffragi in caso di elezioni.

Il Vlaams Blok no, ma i pedofili si. Tanto il primo non piace, tanto i secondi sembrano godere di particolari attenzioni, se è vero – come denunciato qualche giorno fa dal quotidiano Dernière Heure - che ogni anno ne vengono rimessi in libertà condizionata quasi una quarantina. Il popolare quotidiano belga cita le statistiche ufficiali delle scarcerazioni

autorizzate nel Paese l’anno scorso e racconta come delle quasi 700 scarcerazioni condizionate del 2003, ben 35 hanno riguardato condannati per «fatti contro la morale» ai danni di minori, circa il 5% del totale. Una cifra «più o meno costante nel corso degli anni» in un Paese che conta circa dieci milioni di abitanti. Le scarcerazioni, fa intendere la diffusa

 
Al Qaeda: abbiamo l’atomica PDF Stampa E-mail
Scritto da Reuters   
Venerdì 12 Novembre 2004 01:00

Lo sapevamo già. L’avete usata su Hiroshima e Nagasaki…

Uno dei soliti comunicati fantasma della Spectre di Bush e Rumsfeld (al secolo Al Qaeda) annuncia. “abbiamo già la bomba atomica”.

Lo sapevamo già. L’avete usata su Hiroshima e Nagasaki…

 
Bontà sua PDF Stampa E-mail
Scritto da Adnkronos/Aki   
Venerdì 12 Novembre 2004 01:00

Frattini ci dice che non è possibile imporre il mandato europeo in uno stato che non l’abbia firmato. Garantista, non c’è che dire.

Nel caso in cui il mandato d'arresto europeo non sia adeguatamente sviluppo o non sia stato adottato dagli Stati, ''la commissione non ha diritto, in base all'attuale Trattato, di aprire una procedura di infrazione e se necessario portate uno Stato membro di anzi alla Corte di giustizia''.

 
Bush Laden PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Martedì 09 Novembre 2004 01:00

Bill Clinton spiega perché i democratici avrebbero perso: i matrimoni gay e il video holliwoodiano di Osama

L' ex presidente Bill Clinton all'Hotel Hilton di New York, dove si trovava per un convegno, ha spiegato perche' il senatore Kerry ha perso le elezioni.

Stando a Clinton, sono due le questioni che non hanno aiutato Kerry. La legalizzazione dei matrimoni gay e il video di Osama. Nel primo caso la risposta di Kerry a questa realta', sempre secondo le parole di Bill, e' stata troppo debole e confusa. Per quanto riguarda il video di Osama Bin Laden gli americani hanno scelto di non cambiare "il cavallo in corsa". Determinanti a questo proposito il voto degli ispanici che si sentono piu' sicuri con Bush e di quelle che una volta erano le "soccer Mom" e sono oggi le "Security Mom".

Clinton sottolinea che i Democratici sono stati bravia far registrare nuovi elettori, ma i Repubblicani

hanno fatto un incredibile lavoro per far votare quelli gia' registrati - che sono stati di piu'.

L' ex presidente ha dichiarato che e' colpa del partito se la gente pensa che i democratici non

abbiano piu' dei valori. Come la fede, la famiglia, il lavoro, la liberta'.

 
La globalizzazione degli ostaggi PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Martedì 09 Novembre 2004 01:00

Un altro “volontario” italiano si è fatto rapire, stavolta nelle Filippine. L’allargamento di questa pratica, oltre ai risvolti criminosi, comporta un état d’esprit che coinvolge gli organismi transnazionali nella ristrutturazione planetaria americana.

Un cooperante italiano della Organizzazione non governativa italiana, Movimondo, e' stato rapito nelle Filippine. A dare la notizia e' stata la stessa Movimondo. Il cooperante si chiama Andrea Cianferoni ed e' un agronomo toscano. L'ambasciata italiana a Manila ha riscontrato la fondatezza della segnalazione, ha riferito la Farnesina. Il ministero degli Esteri ha subito attivato l'Unita' di Crisi e tramite l'ambasciata ha fatto tutti i passi necessari con le autorita' locali per la soluzione della vicenda.
Andrea Cianferoni e' stato rapito in localita' di Lananorte, nell' isola meridionale di Mindanao, epicentro di una lunga e sanguinosa rivolta separatista musulmana. Il cooperante - un agronomo originario di Firenze e da due anni nelle Filippine dove sta lavorando ad un progetto di Movimondo - si era recato in quella zona a portare degli aiuti insieme a due impiegati filippini della Ong. Sono stati proprio questi ultimi a raccontare ai responsabili di Movimondo di essere stati bloccati durante il loro viaggio dai sequestratori che hanno preso in ostaggio l'italiano dopo averli lasciati liberi. L' ipotesi piu' accreditata tra gli inquirenti locali e' che Cianferoni sia stato oggetto di un sequestro a scopi estorsivi.
CHIESTO RISCATTO
I sequestratori del cooperante italiano rapito nelle Filippine hanno chiesto un riscatto. Lo si apprende da Movimondo, l'organizzazione nella cui lavora Andrea Cianferoni, che definisce ''irrisoria'' la cifra richiesta dai rapitori.

 
Commedia Onu, atto secondo PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Sabato 06 Novembre 2004 01:00

Ora si sa con certezza chi è la controparte della farsa - che forse prevede qualche risvolto tragico - con la quale s'intende rilanciare l'Onu nell'azione imperial/captal/narco/terrorista americana alle porte dell'Europa.

I colloqui faccia-a-faccia tra rappresentanti del governo di Kabul e dell'Onu con i miliziani che tengono in ostaggio i tre operatori stranieri delle Nazioni Unite sono iniziati. Lo ha rivelato un componente del gruppo terroristico alla Reuters.
Sabir Mohmin ha reso noto che il leader di Jaish-e Muslimeen (l'Esercito dei musulmani), un gruppo scissionista dei talebani, si sta incontrando in una localita' segreta con sei rappresentanti del governo centrale e delle Nazioni Unite per negoziare il rilascio dei tre: la nordirlandese Annetta Flanigan, la kosovara Shqipe Habibi e il diplomatico filippino Angelito Nayan, sequestrati il 28 ottobre a Kabul.
Gli uomini di Jaish-e Muslimeen minacciano di uccidere i tre ostaggi se non saranno rilasciati i detenuti di al-Qaeda e talebani rinchiusi nelle carceri afghane e a Guantanamo Bay; e hanno fissato un nuovo ultimatum per stanotte. "Per parte nostra, c'e' Akbar Agha, e dall'altra sei inviati del governo afghano e delle Nazioni Unite", ha detto Mohmin raggiunto con un telefono satellitare

 
<< Inizio < Prec. 141 142 143 144 145 146 147 148 149 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.