lunedì 15 Aprile 2024

La galoppata di Telegram

Quasi un miliardo di utenti

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Punta in Borsa

Telegram ha raggiunto i 900 milioni di utenti avvicinandosi alla redditività e il fondatore Pavel Durov – considerato il Mark Zuckerberger della Russia – pensa a una quotazione in Borsa. Lo ha detto lui stesso al Financial Times. “Speriamo di registrare un utile l’anno prossimo, se non quest’anno”, ha dichiarato il fondatore di origine russa nella sua prima intervista dal 2017.
La piattaforma ha registrato 900 milioni di utenti attivi mensili, in crescita rispetto ai 500 milioni dell’inizio del 2021. Durov, che possiede interamente Telegram, ha rivelato che la società ha ricevuto “offerte di valutazione superiori a 30 miliardi di dollari” da potenziali investitori, tra cui “fondi tecnologici globali in fase avanzata”, ma ha escluso al momento di volerla vendere al momento che sta valutando una futura offerta pubblica iniziale. “Vogliamo rimanere indipendenti”, ha detto.

Un tempo sede della libera comunità delle criptovalute, l’azienda, che ha solo circa 50 dipendenti a tempo pieno, è diventata molto popolare negli ultimi anni diventando uno strumento di comunicazione per i governi e i funzionari di tutto il mondo, nonché un’ancora di salvezza per i cittadini nelle zone di conflitto. Alcuni ricercatori hanno però messo in guardia dal fatto che la piattaforma potrebbe rappresentare un focolaio di attività criminali, nonché di contenuti estremisti o terroristici e di disinformazione. Quelli più critici ipotizzano che il Cremlino potrebbe avere legami o influenza su Telegram, un’affermazione che Durov ha respinto come “inesatta”.

Secondo fonti riportate dal FT, Telegram probabilmente punterà a una quotazione negli Stati Uniti una volta che registrerà utili e le condizioni di mercato saranno favorevoli. Durov ha rifiutato di commentare una tempistica limitandosi a dire che sul tavolo ci sono “diverse opzioni”. Telegram ha raccolto circa 2 miliardi di dollari in finanziamenti di debito, da un’offerta obbligazionaria di 1 miliardo di dollari nel 2021, oltre a ulteriori emissioni di 750 milioni di dollari nello stesso anno e di 270 milioni di dollari effettuate lo scorso anno. Gli obbligazionisti potranno convertire il debito senior non garantito in azioni con uno sconto compreso tra il 10 e il 20% rispetto al prezzo dell’IPO di Telegram se il collocamento dovesse avvenire prima della fine di marzo 2026 – un incentivo per la società a quotarsi prima di quella data.
In caso di IPO, Durov ha dichiarato che Telegram prenderebbe in considerazione la vendita di una quota di azioni agli utenti cosiddetti fedeli e ha rivelato inoltre di aver registrato interesse a realizzare un aumento di capitale più piccolo. “Questa rimane una possibilità se volessimo raccogliere fondi, ad esempio, per cimentarci in campi poco esplorati e legati all’intelligenza artificiale”, ha aggiunto.

Ultime

E vigilant so piezz e core

Fino a qualche tempo fa a Napoli non sarebbe mai successo

Potrebbe interessarti anche